il network

Mercoledì 12 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Sacerdote da 50 anni, è festa

Due Parrocchie per don Angelo Bravi

CASALMAGGIORE — «Canterò per sempre l’amore misericordioso del Signore». Così, don Angelo Bravi, collaboratore delle parrocchie di Santo Stefano e San Leonardo, ha esordito domenica al termine della messa che ha solennizzato il suo 50esimo di sacerdozio. «Da piccolo mi chiamavano Gino e mi chiedevano cosa avrei fatto da grande. ‘El pret’, rispondevo. Certo, ci sono voluti 14 anni di seminario, ma mi ha sempre riempito il cuore di gioia aver verificato che quella era la mia strada. Come tutti, ho avuto momenti di crisi, difficoltà, ma il Signore non mi ha mai abbandonato». 

Don Angelo ha ringraziato «Mamma Pina, che mi ha trasmesso la fede», ma anche «don <Giulio, il parroco di quando ero bambino a Cappella». Certo, ha continuato don Bravi, le vocazioni che ci furono nella frazione casalese sono dovute anche «al clima che si respirava negli anni ’50 e ’60, dove la vita ruotava intorno alla Chiesa». Don Angelo ha ricordato altri due preti nati a Cappella, don Francesco Paternieri e don Franco Vecchini. «Grazie alla vostra comunità che mi ha accolto e continua a volermi bene. Continuerò finchè le forze e la testa lo consentiranno. Grazie anche a don Alberto, al sindaco Claudio Silla, a don Marco e don Bruno, a chi ha contribuito a rendere solenne la messa, come il coro e l’organista, e tutti gli altri collaboratori». 

Don Angelo ha ricordato che di recente «il Papa ha chiesto di dire tre Ave Maria per lui durante il mese di maggio. Io ve ne chiedo una sola per me, ma una sola, una tantum». Parole accolte da un forte e lungo applauso. All’inizio della celebrazione, don Alberto Franzini ha tratteggiato la biografia di don Angelo: «Nato a Cappella nel ’38, ha compiuto gli studi al Seminario di Cremona e l’8 giugno 1963 è stato ordinato prete dal vescovo Danio Bolognini. Ha poi fatto il vicario a Castelverde e a Casalmorano. E’ stato parroco a Quattrocase dal 1982 al 1988 e a Villastrada di Dosolo dal 1988 al 1997, con la responsabilità anche di Cavallara. Dal ’97 al 2007 parroco di San Martino dall’Argine. Dal 2007 è qui, subentando a don Guido Bernardelli. Esercita il suo mandato con semplicità evangelica, è sempre disponibile. Gli doniamo una icona della Madonna della tenerezza acquistata un mese fa a Betlemme». 

Al termine, Anna Frigerio, a nome della comunità, ha detto grazie a don Angelo: «Ci ha offerto la sua vita come un dono. Vogliamo sperare che tu, don Angelo, abbia potuto ricevere affetto, stima, amicizia, vicinanza e calore umano». I quattro preti della comunità, don Angelo, don Alberto, don Marco Anselmi e don Bruno Galetti (che il 23 celebrerà i 10 anni di ordinazione) hanno poi preso parte al pranzo allestito all’oratorio di San Leonardo.

03 Giugno 2013