il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Al Polo Romani un impianto fotovoltaico di ultima generazione

Dispositivo super-ecologico: fa 'risparmiare' 15 chilogrammi di anidride carbonica. I lavori hanno consentito l'eliminazione di 8000 chili di cemento-amianto dal tetto della palestra

CASALMAGGIORE - Davanti alle classe quinte, nella mattinata di venerdì è stato presentato il nuovo impianto fotovoltaico realizzato dall'amministrazione provinciale (proprietaria degli immobili) presso il Polo scolastico Romani. Ad introdurre la cerimonia, che si è svolta in aula magna, è stata la dirigente scolastica Antonella Maccagni, alla presenza del presidente della Provincia Massimiliano Salini, del vicepresidente Filippo Bongiovanni, dell'assessore Giovanni Leoni, del sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla e di Giuseppe Torchio, presidente del Gal Oglio Po che ha cofinanziato l'opera.

L'intervento si è articolato in tre parti. Anzitutto sono stati eliminati 8000 chilogrammi di eternit (cemento-amianto) dal tetto della palestra. Poi sono state effettuate opere per eliminare i problemi di infiltrazioni esistenti. Infine è stato collocato l'impianto fotovoltaico. Su una superficie del tetto ampia 820 metri quadrati, sono stati installati 79 pannelli in silicio monocristallino per un totale di 290 metri quadrati occupati. L'impianto, insediato sulla falda sud della copertura, ha una potenza di 19,75 Kilowatt e produce 22.000 Kilowatt all'anno, consentendo di 'risparmiare' 15 chilogrammi di anidride carbonica (che verrebbe assorbita da 22 alberi, del tipo faggio adulto).

L'impianto è in funzione dallo scorso mese di giugno e la resa è in linea, se non superiore, alle aspettative. Si tratta di un dispositivo di ultima generazione che produce circa il 20 % in più di energia rispetto a quelli 'tradizionali'. 

Un particolare importante: rispetto al preventivo iniziale di 160.000 euro, di cui 52.000 stanziati dal Gal, alla fine l'intervento è costato 96.500 euro. Anche il contributo Gal, di fronte al risparmio ottenuto grazie ad uno sconto rilevante, sarà ricalibrato.

I progettisti sono l'ingegner Rossano Ghizzoni (dell'ufficio tecnico provinciale), oltre a Stefano Bassoni e Massimiliano Rossini. I lavori edili sono stati curati dalla Cremona Gronde di Cremona, mentre l'impianto fotovoltaico è stato installato dalla Telenergy di Verona.

20 Settembre 2013