il network

Giovedì 27 Aprile 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Ingiuria un vigile, condannato dal Giudice di Pace

Camionista mantovano dovrà pagare 2.450 euro

Ingiuria un vigile, condannato dal Giudice di Pace

Giudice di pace e cancelliere

L'episodio avvenuto nel 2007. Il conducente di un mezzo pesante venne rintracciato lungo l'AutoCisa nei pressi di Berceto

CASALMAGGIORE — L.S., camionista di Quistello, è stato condannato dal Giudice di Pace Beatrice Ghillani a pagare una multa di 600 euro per aver ingiuriato, il 18 ottobre 2007, intorno alle 13 e 15, l’agente di polizia locale Luca Medoro di Casalmaggiore, assistito dall’avvocato Simonetta Aroldi. Una vicenda che all’epoca fece un certo clamore perché il camionista, dopo aver rivolto quella frase al vigile, si era allontanato ed era stato infine individuato nelle vicinanze di Berceto, lungo l’AutoCisa. L’imputato, difeso dall’avvocato Gianfranco Rinaldi del Foro di Mantova, dovrà inoltre pagare 1000 euro di risarcimento per i danni morali subiti dal querelante e altri 850 per la rifusione delle spese legali. Ieri mattina Medoro è stato sentito in qualità di testimone della parte civile e ha ricostruito gli eventi. L’imputato era assente, come è sempre avvenuto sin da quando, cinque anni fa, è iniziato il processo. «Ero in servizio comandato alla rotonda (Conad, posta lungo la 343 in prossimità di un attraversamento pedonale, in concomitanza con l’uscita da scuola degli alunni», ha esordito Medoro, aggiungendo che mentre stava facendo attraversare gli scolari è sopraggiunto un autoarticolato che procedeva in direzione Parma: «Anzichè seguire l’andamento curvilineo della rotonda, ha tirato dritto e considerata la pericolosità della manovra mi sono messo in mezzo alla strada per fermare il veicolo». Una volta arrestata la marcia, Medoro gli ha contestato l’infrazione verbalmente. «Ha reagito con fare concitato, sprezzante e polemico e al mio invito a presentare le sue rimostranze presso le sedi competenti si è rivolto a me dicendomi ‘Sai che ti dico? Hai una bella faccia di m.’ Sono rimasto incredulo chiedendo di ripetere la frase. E lui l’ha ripetuta». L’agente ha quindi invitato il camionista a fermarsi ma lui è ripartito. Medoro l’ha inseguito e raggiunto oltre il ponte del Po. Il camionista si è poi allontanato ed è stato infine fermato all’area di servizio Frontone dalla polizia stradale. Alle domande degli agenti ha opposto un assoluto silenzio.

19 Febbraio 2013