il network

Sabato 19 Agosto 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Casalmaggiore

Dai banchi di scuola alla scoperta di Metastasio

La quarta A del liceo classico accompagnata in un viaggio nel melodramma 'Didone abbandonata'

Dai banchi di scuola alla scoperta di Metastasio

La quarta A con il docente Franco Giuseppe Bolsi e il bibliotecario Vittorio Rizzi

CASALMAGGIORE - ‘Didone abbandonata, il musicalissimo melodramma di Pietro Metastasio, è il cuore di una lezione con guida all’ascolto a cura del dottor Vittorio Rizzi, anima del Distretto Musicale, destinata alla classe quarta A del Liceo Classico Romani. Un importante appuntamento con la nona edizione di ‘Cultura del Territorio’ patrocinata dall’amministrazione comunale di Casalmaggiore. L’iniziativa, come riferisce il professor Franco Giuseppe Bolsi, docente di Lettere al liceo, ha avuto luogo mercoledì 20 febbraio. “La Sala di Musica, al piano nobile del glorioso Ginnasio Barnabitico, si è vestita della musicalità della poesia di Metastasio e delle musiche delle legioni di musicisti che hanno regalato il loro talento alla tragedia dell’eroina virgiliana - afferma Bolsi -. Una trentina di artisti, dunque una intera epoca, si è confrontata con il cantabilissimo testo del poeta cesareo: da qui la felice intuizione del dottor Rizzi che, con la consueta e appassionata competenza, ha proposto le Didoni della scena teatrale settecentesca. E i ‘new media’ hanno dato il loro prezioso contributo, consentendo di conoscere e apprezzare le diverse interpretazioni musicali e teatrali distribuite nell’arco di un secolo, da Sarro a Piccinni, dall’Italia all’Inghilterra”. ‘You Tube’ ha consentito una ricerca attenta e completa, “in grado di democratizzare messaggi culturali ed esperienze estetiche solitamente destinati ad un pubblico di specialisti, ad una oligarchia di parrucconi. ‘New media’, si diceva, a sottolineare il felice impegno della biblioteca ‘Anton Enrico Mortara’ nel processo di aggiornamento tecnologico, nell’impegno culturale aperto all’incontro con gli studenti casalesi”, conclude il professor Bolsi.

20 Febbraio 2013