il network

Venerdì 28 Aprile 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Elezioni, candidati casalaschi a confronto

Elezioni, candidati casalaschi a confronto

I partecipanti al dibattito

CASALMAGGIORE- Emergenza lavoro, sanità e vicenda legata all’ospedale Oglio Po, i costi della politica, infrastrutture, agricoltura e ambiente, sicurezza, corruzione, legalità. Sono questi gli argomenti discussi, al Teatro Zenith dai sette candidati casalesi alla Camera, al Senato e alla Regione, nel dibattito ‘autogestito’ per informare i cittadini moderato dal giornalista Marco Bazzani, caposervizio della redazione di Casalmaggiore de ‘La Provincia’.
Sul palco rappresentate quasi tutte le tendenze politiche (centrosinistra, centro, centrodestra), con Giacinto Boldrini (Pensionati, in lizza sia per il Senato che per la Regione), Pierluigi Pasotto (Rivoluzione Civile-Lista Ingroia, candidato al Senato), Filippo Bongiovanni (Lega Nord, candidato alla Camera), Michela Scaramuzza (Fli, punta alla Camera), Paola Bandini (Patto Civico con Ambrosoli Presidente, candidata al Consiglio regionale), Massimo Mazzoli (Centro Democratico di Tabacci, in corsa per la Camera) e Giuseppina Mussetola (lista civica Maroni Presidente, candidata al Consiglio regionale).
Sull’emergenza lavoro e su cosa fare per uscire dalla crisi, sono emerse immediatamente le differenze dei diversi schieramenti politici. Chi ha guardato alle risorse del territorio come l’agricoltura (Bandini), chi ha puntato il dito sull’eccessivo costo del lavoro e sulla necessità di abbassarlo per dare impulso all’occupazione (Boldrini), che ha proposto un Alto Commissariato su questo problema e la lotta all’evasione fiscale (Pasotto), chi ha visto nell’equazione «meno Stato, meno pubblica amministrazione, più federalismo fiscale» la soluzione al problema (Bongiovanni), chi ha auspicato una profonda riforma che allenti la morsa fiscale per dare più ossigeno alle imprese e quindi all’occupazione (Mazzoli), chi ha rilanciato l’idea del 75% delle tasse lombarde ai lombardi (Mussetola) e chi ha sottolineato come la disoccupazione tocchi anche i 50enni e che la lotta al precariato potrebbe essere la ricetta vincente per uscire dalla crisi (Scaramuzza).

Il resoconto completo del dibattito e le posizioni dei candidati sull'ospedale Oglio Po sul giornale in edicola sabato 23 febbraio

23 Febbraio 2013