il network

Martedì 27 Giugno 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Sabbioneta

"Tre volte il coltello alla gola"

Il drammatico racconto dell'88enne rapinato nella sua abitazione

"Tre volte il coltello alla gola"

Marino Vaccari

SABBIONETA — «Mi ha messo per tre volte il coltello al collo: non auguro a nessuno di passare quello che è toccato a me»: è ancora scosso e traumatizzato Marino Vaccari, l’88enne rapinato venerdì alle 17.15 mentre era in casa sua insieme alla moglie 82enne. Un giovane, alto circa un metro e ottanta straniero, ha suonato al campanello dell’abitazione di Vaccari in via Achille De Giovanni chiedendo di Marino: la moglie in buona fede ha aperto la porta e condotto il giovane al cospetto del marito, e qui è iniziato l’incubo. «Voglio i tuoi gioielli, dammeli», ha gridato l’uomo sfoderando un coltello con una lama di 15 centimetri. Poi con l’arma piantata nel collo dell’anziano ha urlato nuovamente: «Dai sbrigati». Marino è riuscito a non perdere il controllo: «Gli ho risposto: ci sono tante medaglie che ho vinto, prendi quelle. Ma non ne ha voluto sapere — racconta l’88enne —. Ha visto che avevo al polso un bracciale in oro e me lo ha strappato (l’anziano, tra l’altro, ha riportato una ferita al braccio dovuta proprio alla violenza con cui gli è stato tolto il monile, nda). Stessa cosa ha fatto con la collana che avevo al collo». Poi, con i due gioielli in oro, si è allontanato fuggendo a piedi. 

Approfondimento sull'edizione de La Provincia in edicola domenica 24 marzo

23 Marzo 2013