il network

Mercoledì 19 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


2 dicembre 1960

Da ieri in orbita nave spaziale russa con due cani e insetti

Da ieri in orbita nave spaziale russa con due cani e insetti

Pesa 4.563 Kg. - Compie un giro della Terra ogni 88 minuti - La sua orbita è molto vicina al nostro emisfero e perciò questo "Sputnik,, non potrà avere vita lunga

MOSCA, 1. — L'URSS ha  lanciato una terza «nave cosmica» che contiene cani, insetti e piante.

La terza nave spaziale sovietica che pesa 4.563 chilogrammi e reca a bordo due cani, «Pchelka» e «Muschka» e altri animali, insetti e piante è stata collocata stamane in un'orbita intorno alla Terra.

La «nave spaziale» è stata posta su un'orbita ellittica e compie un giro intorno alla Terra ogni 88,6 minuti. Essa trasmette sulla frequenza di 19.995 megacicli. Il comunicato diramato dalla «TASS» precisa: «Nel quadro del programma di ricerca scientifica, la terza nave spaziale è stata posta in orbita come satellite terrestre il primo dicembre 1960.

«Allo scopo di effettuare ricerche medico-biologiche sulle condizioni di un volo spaziale, animali da esperimenti — i cani «Pchelka» e «Mushka» — sono stati collocati nella cabina della nave spaziale. Nella cabina vi sono altri animali, insetti e piante». I nomi dei due cani significano «piccola ape» (Pchelka) e «piccola mosca» (Mushka). 

Radio Mosca ha ripetuto l'annuncio del lancio cinque volte in 3 minuti. Il perigeo dell'orbita della nave spaziale è calcolato di 187,3 km. dalla Terra e l’apogeo  di 235 km. L'inclinazione  dell'orbita all'Equatore è di 65 gradi. Gli apparecchi di bordo seno alimentati da energia chimica e dall'energia solare. Il comunicato della TASS così prosegue: «Gli animali da esperimento vengono osservati medianti sistemi di radiotelevisione e telemetrici che trasmettono dati obiettivi fisiologici relativi alle condizioni degli animali. Gli strumenti di misurazione scientifica installati sulla nave-sputnik hanno il compito di effettuare parecchie indagini scientifiche sulla fisica dello spazio esterno».

29 Novembre 2018