il network

Domenica 22 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


GUSSOLA

«Guerra alle slot machine»

Cresce l’esigenza di un regolamento che limiti i rischi legati alla diffusione dell’azzardo, la minoranza chiede un intervento del Comune

«Guerra alle slot machine»

Un giocatore alle macchinette videopoker

GUSSOLA — Con una interrogazione al sindaco, da discutere in consiglio comunale, chiedono provvedimenti contro il gioco d’azzardo i consiglieri di minoranza Marino Chiesa, Nicolò Mangoni e Giuseppe Galli. «Anche il nostro paese deve fare i conti con questa, permetteteci di definirla così, malattia», scrivono gli esponenti di opposizione. «Riteniamo, pertanto, fondamentale l’intervento dell’amministrazione comunale, naturalmente nei limiti consentiti dalla legge e dalle proprie possibilità. Chiediamo, dunque — continuano —, un parere in merito al sindaco e ai consiglieri Voltini e Azzoni, di cui lo stesso sindaco si avvale nel settore servizi sociali. Come consiglieri di minoranza, inoltre, ci permettiamo di chiedere un provvedimento contro la diffusione delle slot all’interno del nostro territorio. Riteniamo utile un regolamento territoriale, adottato già da molti Comuni, che disciplini questo argomento e un’adeguata informazione in merito, in quanto le conseguenze di questa dipendenza sono letteralmente tragiche».
I consiglieri di minoranza si dicono «fortemente contrari alla presenza di questi apparecchi per il gioco d’azzardo lecito in locali posti nelle vicinanze di luoghi di particolare interesse, come ad esempio istituti scolastici, luoghi di culto, impianti sportivi, luoghi di aggregazione giovanile ed oratori». I consiglieri ritengono inoltre «importante la collaborazione con i proprietari dei locali interessati all’argomento, affinché possa arrivare ai cittadini un messaggio chiaro e preciso sulla pericolosità di questi apparecchi. Anche in una piccola realtà come la nostra, regole ben precise possono aiutare a superare determinate problematiche ed evitare di entrare in altre situazioni disperate».
Si stima che in tutta Italia il tema del gioco d’azzardo patologico interessi all’incirca un milione di persone, con problemi sul piano relazionale, familiare, sul lavoro.

20 Marzo 2015