il network

Martedì 24 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Rivarolo del Re

Pomì, 12 milioni da investire

Nel 2012 fatturato in crescita: +13,8% in Italia e +17,2% nell’export

Pomì, 12 milioni da investire

Costantino Vaia

RIVAROLO DEL RE — «Pomì, marchio al 100% italiano di proprietà del Consorzio Casalasco del Pomodoro dal 2007, chiude il 2012 con un fatturato in crescita — +13,8% in Italia e +17,2% nell’export — riferito alla produzione di oltre 40mila tonnellate di prodotto finito a marchio, consolidando la sua posizione ai vertici del mercato italiano ed estero nel settore del rosso, e con una prospettiva d’investimento pari a 12 milioni di euro per i prossimi cinque anni». A riferirlo è Costantino Vaia, managing director del Consorzio Casalasco del Pomodoro e presidente Pomì USA.
Un risultato sensibilmente positivo la cui origine è da rintracciarsi nell’attività delle 300 aziende agricole che producono la materia prima per i 4 stabilimenti (600 addetti) che, nel cuore della food valley italiana, lavorano il pomodoro raccolto dai 4500 ettari di terreno disponibili. 
In crescita anche la presenza del marchio all’estero che conferma anche per il 2012 il successo ottenuto fin dal suo primo ingresso all’inizio degli anni ’80. Pomì è infatti presente in modo sostanziale nella maggior parte dei Paesi europei, con maggiore concentrazione in Austria (+ 15,2 %) e in Germania (+ 14,3 %). Lo stesso è avvenuto oltre i confini europei e, in particolare, in Russia (+ 22 %) e in Libano (+ 8,3 %). I prodotti Pomì sono distribuiti in più di 50 Paesi al mondo, tra cui, oltre ai principali Stati europei, Canada, Costa Rica, Bermuda, Antille, Guatemala, Libia, Sud Africa, Libano, Giordania, Georgia, Armenia, Hong Kong, Indonesia, Qatar, Emirati Arabi.
Una considerazione a parte merita Pomì USA, unica società importatrice e distributrice USA di tutti i prodotti Pomì, che nel 2012 ha ottenuto un notevole incremento di vendite in netta contro tendenza rispetto al mercato statunitense che invece rivela una diminuzione del 6 % per il settore del rosso.

SERVIZIO COMPLETO SUL GIORNALE DI MARTEDì 12 MARZO

12 Marzo 2013