il network

Mercoledì 13 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


OGLIO PO

Torre e Cà d'Andrea, avviato l'iter per la fusione dei comuni

La nuova realtà potrebbe nascere nel 2019

Torre e Cà d'Andrea, avviato l'iter per la fusione dei comuni

TORRE DE' PICENARDI / CA' D'ANDREA - Se tutto andrà come auspicano i due sindaci di Torre de’ Picenardi e Ca’ d’Andrea, Mario Bazzani e Franco Potabili Bertani, dal 1 gennaio 2019 i loro due Comuni saranno fusi in un unico ente locale. Con un vantaggio economicamente rilevante: un contributo straordinario di 390mila euro per dieci anni. Tre milioni e 900mila euro che, in un Comune di una popolazione che sarà di circa 2.200 abitanti, potranno consentire tante azioni positive per i cittadini. Per definire l’iter della procedura, lo scorso 1 dicembre si è svolta una riunione cui hanno preso parte i due primi cittadini, alcuni consiglieri comunali, il segretario comunale Roberta Zirelli e Maurizio Pelizzer dello studio di consulenza Cda di Mantova.

Quali le tappe? «Nel 2018 - spiega Bazzani - ci saranno due appuntamenti elettorali, le Regionali e le Politiche. Noi vorremmo indire il referendum per la fusione, nei due Comuni, per il mese di giugno, in modo da essere operativi dal primo giugno 2019. Il referendum non prevede quorum: è sufficiente la maggioranza più un voto a favore perché il quesito sia approvato. Naturalmente questo è un risultato che si deve ottenere in entrambi i Comuni, dove la consultazione si terrà in contemporanea. Se riusciremo a creare un unico Comune si aprirà l’occasione per realizzare nuove opere e migliorare i servizi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

05 Dicembre 2017

Commenti all'articolo

  • renzo

    2017/12/06 - 14:02

    È un passo avanti, anche se la fusione porterebbe ad un comune di 2200 abitanti, tanti quanti un condominio di media grandezza. Le fusioni che hanno senso sono quelli che porterebbero a Comuni con almeno 10mila abitanti, allora si che avrebbe una certa logica. Ma così?....anche se è vero che "piccolo è bello" ebbe a dire il sindaco Cavazzini quando venne eletta a Drizzona...

    Rispondi