il network

Lunedì 23 Luglio 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


FUSIONE PIADENA-DRIZZONA

Polemica sul nome. Ricci: «Ora rischia di saltare»

Il sindaco: «Offensive le raccolte di firme per escludere il nome del nostro Comune»

Polemica sul nome. Ricci: «Ora rischia di saltare»

Il sindaco di Drizzona Ricci

DRIZZONA - «Eh certo che siamo un po’ incavolati. Ma soprattutto preoccupati, perché c’è il fortissimo rischio che la fusione alla fine possa saltare. E sarebbe un gran peccato perché si tratta di una opportunità storica». Il sindaco di Drizzona Nicola Ricci riassume in modo chiaro i sentimenti che si stanno vivendo a Drizzona dopo le due iniziative assunte a Piadena sul nome del nuovo Comune che dovrebbe nascere dalla fusione tra Piadena e Drizzona.

Parliamo cioè delle due raccolte di firme annunciate a Piadena: quella del consigliere di minoranza Pietro Francesconi, capogruppo di ‘Piadena al Centro’, che chiede l’inserimento nella scheda referendaria di un’altra opzione — oltre ai nomi già concordati dalle due amministrazioni comunali di ‘Piadena Drizzona’ e ‘Piadena e Drizzona’ —, ossìa ‘Piadena ed Uniti’; e quella attivata da tre ex amministratori, Luigi Pagliari, Luciano Di Cesare e Matteo Priori, che vorrebbero fosse inserita nella scheda la possibilità di scegliere ‘Piadena’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

05 Aprile 2018

Commenti all'articolo

  • renzo

    2018/04/06 - 11:11

    Se uno è interessato veramente alla fusione (ribadisco che una fusione tra due comuni per un totale di 4000 abitanti è ridicola, ma tant'è) sorvola sul nome.... altrimenti è solo una fusione di facciata. Mettiamo il caso che in un passo successivo ci si fonda in altri tre paesi, come chiameremmo la nuova realtà? PIADENA Drizzona Calvatone Tornata isola Dovarese? Ci vuole un'ora per scrivere tutto. Ma smettiamola con queste assurde posizioni!

    Rispondi