il network

Mercoledì 26 Aprile 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Vicomoscano

Rogo all'Imperial Cafè, sentiti i primi testi

Avviato il processo per simulazione di reato

Rogo all'Imperial Cafè, sentiti i primi testi

Il locale la sera dell'incendio

VICOMOSCANO — E’ approdata nella mattina di venerdì in un’aula del Tribunale di Cremona la vicenda giudiziaria che ha per protagonisti due fratelli originari di Tropea (Vibo Valentia) in merito all’incendio che alle 20.50 del 5 ottobre 2009, ha distrutto il locale da loro gestito a Vicomoscano, l’Imperial Cafè. La Procura della Repubblica di Cremona ha ipotizzato nei confronti dei due fratelli — Francesco e Marco Cupitò, rispettivamente 28 e 23 anni — l’accusa d’aver dato fuoco al locale, al fine di percepire l’indennizzo dell’assicurazione. Il più anziano dei due fratelli è imputato anche di simulazione di reato, per aver presentato, un paio di giorni dopo il rogo, una querela contro ignoti in merito all’incendio. Di fronte al giudice ierpaolo Beluzzi e al pm onorario Silvia Manfredi sono comparsi ieri un certo numero di testi, tra cui uno dei vigili del fuoco intervenuti la sera del boato. 

Approfondimenti sull'edizione cartacea de La Provincia in edicola sabato 16 marzo

15 Marzo 2013