il network

Mercoledì 24 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


TORRE DE' PICENARDI-CA' D'ANDREA

Referendum fusione: il Comune continuerà a chiamarsi 'Torre de' Picenardi'

Così hanno deciso i cittadini di entrambi i Comuni

Referendum fusione: il Comune continuerà a chiamarsi 'Torre de' Picenardi'

Il municipio di Torre de’ Picenardi

TORRE DE' PICENARDI - CA' D'ANDREA - Il Comune nato dalla fusione tra Torre de' Picenardi e Ca' d'Andrea si chiamerà ancora 'Torre de' Picenardi'. Bocciate, dai cittadini, con la seconda scheda del referendum, le altre due ipotesi in gioco: Ca' de' Picenardi e Torre d'Andrea.

In particolare, a Torre i cittadini che hanno detto di non voler cambiare il nome del paese sono stati 566, pari all'87,34 %. Ca' de' Picenardi ha riscosso il 4,78 % delle preferenze (31 voti). Torre d'Andrea il 7,87 (51 voti). Ci sono state poi 11 schede bianche e 7 nulle.

A Ca' d'Andrea il nome 'Torre de' Picenardi' ha incassato il 47,69 % (93 voti), Ca' de' Picenardi il 15,89 (31 voti) e Torre d'Andrea il 36,41 (71 voti). Tredici le schede bianche, 6 le nulle.

Cosa succede adesso? I consigli comunali dovranno essere convocati nei prossimi giorni (entro circa una settimana) per prendere atto dei risultati, che verranno trasmessi alla Regione. La Regione dovrà fare una legge per l'istituzione del Comune 'Torre de' Picenardi', nato per incorporazione di Ca' d'Andrea.  Dal 1 gennaio 2019 amministreranno i due ex territori - a quel punto da considerare un unico territorio - la giunta e il consiglio comunale di Torre. Qusto fino alle elezioni amministrative del 2019, quando si dovrà eleggere il nuovo sindaco e il nuovo consiglio comunale 'unico'. Le liste che si presenteranno al voto saranno verosimilmente formate da cittadini sia di Torre che di Ca' d'Andrea. Secondo gli accordi presi tempo fa, il sindaco di Ca' d'Andrea Franco Potabili Bertani sarà nominato vicesindaco di Mario Bazzani, primo cittadino di Torre, per garantire una rappresentanza di Ca' d'Andrea nell'amministrazione comunale dal 1 gennaio 2019 sino alla prossima consultazione elettorale amministrativa.


 

11 Giugno 2018