il network

Mercoledì 19 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASALMAGGIORE. IL CASO

Punto Nascita, "La deroga? Ci sono tutte le condizioni"

Ecco che cosa dice l’ordine del giorno approvato in Consiglio: «Situazione geografica difficile, alti standard di sicurezza»

Punto Nascita, "La deroga? Ci sono tutte le condizioni"

Una infermiera in un reparto maternità

CASALMAGGIORE - Il punto nascita dell’ospedale Oglio Po va salvaguardato «perché si trova in condizioni geografiche difficili» (l’ospedale lombardo più vicino è a circa 40 km) e perché «garantisce standard qualitativi e di sicurezza più alti rispetto ad altri punti nascita, anche a prescindere dal numero di parti annui» (500 lo standard minimo fissato dall’accordo Stato-Regioni del 2010 e dal decreto ministeriale del 2015, che però disciplinano anche il percorso per eventuali deroghe). E questo il ‘cuore’ dell’ordine del giorno discusso e approvato venerdì sera — dopo essere stato condiviso dalla conferenza dei capigruppo — nella seduta straordinaria del Consiglio comunale convocata dal sindaco Filippo Bongiovanni. Il quale ora invierà il documento a Regione Lombardia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Giugno 2018