il network

Martedì 18 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


SAN GIOVANNI IN CROCE. IL CASO

La Romano lascia il cdg. Non c'è pace all'Aragona

Si dimette il rappresentante neo nominato dal Comune: "Eticamente inaccettabili le modifiche allo statuto che si vogliono imporre"

La Romano lascia il cdg. Non c'è pace all'Aragona

Daniela Romano e l'ingresso della Fondazione Aragona

SAN GIOVANNI IN CROCE - Non c’è pace alla Fondazione Giuseppe Aragona. Con una lettera di mercoledì 18 luglio inviata alla presidente dell’ente Luigia Marchini, l’avvocato Daniela Romano di Brescia, rappresentante del Comune di San Giovanni in Croce in seno al Consiglio di Gestione, ha rassegnato le dimissioni da consigliere. «La mia scelta - spiega l’avvocato Romano - è stata determinata dall’impossibilità di poter esprimere nel contraddittorio le proposte di modifica dello statuto e portare all’attenzione formalmente del Consiglio di Gestione dette soluzioni, per le quali sono stata nominata dal sindaco Asinari». Le modifiche statutarie, precisa, «si erano rese necessarie per garantire una governabilità all’ente, in quanto l’attuale composizione del consiglio di gestione e i quorum costitutivo e deliberativo previsti permettono il crearsi di condizioni che non lo rendono governabile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Luglio 2018