il network

Martedì 27 Giugno 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Mantovano

Distributori, allarme furti e vandalismi

Confcommercio: "I titolari delle stazioni di servizio non ce la fanno più"

Distributori, allarme furti e vandalismi

La Confcommercio di Mantova lancia l'allarme furti nei distributori di carburanti. 

"I titolari dei distributori di carburanti non ce la fanno più - dice una nota dell'organizzazione virgiliana -. Strozzati da contratti capestro (in media un gestore guadagna circa 3 centesimi e mezzo a litro) e da una crisi senza precedenti, fanno i conti ormai da un paio d’anni con un’ondata di furti, scassi, rapine e qualsivoglia altro tipo di effrazione negli impianti". “Negli ultimi giorni – fa il punto il presidente di Figisc Confcommercio Mantova Enos Righi – nel mantovano si sono verificati una decina di atti vandalici. Ormai nessun gestore lascia un centesimo nelle casse dell’impianto – continua Righi – eppure si reiterano questi tentativi di furto che danneggiano le attrezzature e gli stabili, con una grave perdita economica per il gestore”. Il Consiglio regionale, il 7 novembre 2011, aveva approvato una risoluzione con la quale invitava la Giunta a rendere obbligatoria, entro l'arco di un biennio, presso tutti gli impianti di distribuzione dei carburanti in attività in Lombardia, l'installazione di impianti di videosorveglianza a circuito chiuso, a carico però delle compagnie. Il gestore, infatti, non è il proprietario dell’impianto, ma lo gestisce in comodato d’uso. Inoltre, dato l’elevato costo dell’attrezzatura necessaria (più punti di videosorveglianza, collegamento con la centrale, ecc) un gestore non è nelle condizioni di sostenere tale spesa.

“Ad oggi la risoluzione del Consiglio Regionale non è ancora stata trasformata in un provvedimento legislativo, nonostante la scadenza sia novembre 2013. Purtroppo funziona così: sull’onda emotiva innescata da qualche episodio criminoso, vengono emanati provvedimenti puntualmente disattesi non appena i riflettori si spengono. Ora l’inquilino del Pirellone è cambiato, speriamo in una maggiore attenzione della nuova Amministrazione nei nostri confronti”.

 

 

 

 

20 Marzo 2013