il network

Domenica 21 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASALASCO E OGLIO PO

I consiglieri regionali: 'Un milione per potenziare l'Oglio Po'

Tavolo a Palazzo Pirelli con l'assessore al Bilancio

I consiglieri regionali: 'Un milione per potenziare l'Oglio Po'

MILANO - Potenziare la rete sanitaria casalasca e viadanese. Lo hanno chiesto martedì 9 ottobre, ad un tavolo con gli assessori regionali Giulio Gallera (Welfare), Davide Caparini (Bilancio) e Massimo Sertori (Enti Locali), i consiglieri regionali Federico Lena e Alessandra Cappellari (Lega), Andrea Fiasconaro e Marco Degli Angeli (M5S), Antonella Forattini e Matteo Piloni (PD). Che spiegano: “Accogliendo le richieste dei sindaci del territorio e della popolazione, abbiamo portato al tavolo degli Assessorati le principali criticità riguardanti la situazione sanitaria casalasca e viadanese”.

“A seguito dell'incontro tenutosi oggi a Palazzo Pirelli”, spiegano i consiglieri, “possiamo anticipare che a fronte della chiusura del punto nascita di Oglio Po, il presidio non verrà abbandonato o trascurato ma anzi implementato nei reparti di urologia, oculistica, chirurgia generale, endoscopia e soprattutto il servizio neuropsichiatria infantile con la messa a disposizione di 6 posti letto (25 in tutta la Regione)”

“Il presidio Oglio Po”, continuano i consiglieri regionali, “usufruirà sia di un budget proprio che di personale specificatamente dedicato; con Delibera di Giunta sarà stanziato un milione di euro per interventi aggiuntivi, due terzi dei quali investiti  in attrezzature mediche, e verrà rivisto il Piano di Organizzazione Aziendale Strategico. Il progetto diventerà operativo entro i primi sei mesi del 2019”.

“Grazie a questi interventi e finanziamenti”, concludono i consiglieri di Palazzo Pirelli, “il presidio potrà continuare a servire il territorio nonostante la chiusura del punto nascita su cui la Giunta ha deciso di non tornare indietro, e a fronte della quale verrà comunque implementato anche un servizio di supporto alle giovani future mamme”.

"Con l'approvazione di questo progetto - ha sottolineato Gallera - andiamo, inoltre, a stabilizzare una sperimentazione territoriale in ambito sociosanitario nei Comuni afferenti all'area casalasco viadanese nata nel 2016 da una convenzione tra le due ASST di Cremona e Mantova. Il potenziamento di alcuni servizi andrà a soddisfare una domanda che attualmente trova poca o scarsa risposta sul territorio, costringendo i pazienti a rivolgersi o fuori regione o in presidi più lontani (Mantova, Cremona). Per questo abbiamo previsto di implementare le attività di ricovero e/o erogazione di prestazioni ambulatoriali al fine di rispondere efficacemente ai bisogni della popolazione".

Il progetto prevede in una prima fase, l'immediata implementazione delle attività di oculistica, urologica, urodinamica ginecologica, il potenziamento della endoscopia digestiva, e il potenziamento tecnologico della chirurgia generale, anche al fine di tagliare le liste di attesa e fornire le migliori apparecchiature tecnologiche disponibili.

Con la seconda fase, a partire dal 2019, in una parte del reparto di pediatria dell'Oglio-Po,
saranno creati 6 posti letto di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza dedicati in via prioritaria al ricovero e alla
gestione delle crisi adolescenziali. Ciò consentirebbe di disporre di uno strumento appropriato in situazioni cliniche critiche. L'intenzione e' quella di creare una sezione strutturalmente separata di NPIA che disponga di tutti i requisiti di accreditamento.

09 Ottobre 2018