il network

Venerdì 14 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


GUSSOLA

'Alberi da abbattere per la ciclabile', protesta

Gerelli (Sel) contro l'intervento del Comune: 'Ci sono alternative'. Il sindaco Belli Franzini: 'Si risolve un problema e si rende più sicura la viabilità'

'Alberi da abbattere per la ciclabile', protesta

GUSSOLA - Il progetto dell’amministrazione comunale di sistemare via Madonnina con l’eliminazione di un filare di alberi e la creazione, al suo posto, di una pista ciclabile, ha suscitato una presa di posizione critica da parte di Sante Gerelli referente di Sel a Gussola. Ma il sindaco Stefano Belli Franzini replica punto su punto. «Via Madonnina — dice Gerelli — è un bellissimo viale i cui alberelli sono stati messi a dimora da alunni del maestro Giovanni Magni, in collaborazione con l’allora amministrazione comunale». Secondo Gerelli il collegamento con l’argine, futura pista VEnTO (Venezia- Torino) potrebbe avvenire «attraverso la rampa dell’argine di via Fiume», facendo «risparmiare dei soldi ai contribuenti» e «non deturperebbe il paesaggio». 

Belli Franzini replica: «Il progetto prevede la rimozione del filare sinistro, dove i tigli sono piantati a distanze ravvicinate rispetto alle recinzioni dei confinanti, non rispettando nemmeno il codice civile. Il non aver tenuto conto delle distanze ha causato dei seri disagi. Anche i sotto servizi ed il manto stradale ne risentono. Si è scelto di cogliere due piccioni con una fava, partecipare ad un finanziamento regionale, che prevedeva i collegamenti in sicurezza di ciclisti e pedoni dalla ciclabile VEnTO ai centri dei paesi, cercando di risolvere così un problema e dando una viabilità protetta ai cittadini. Vogliamo compensare l’abbattimento dei tigli, con una nuova piantumazione di nuove essenze in zona via Dossi, dove creeremo un nuovo parco comunale, rispettando distanze e diritti dei confinanti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Ottobre 2018