il network

Mercoledì 19 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


BOZZOLO

Mohammad e Modou: dai barconi al servizio civile

Per i profughi un anno in una casa famiglia e nella cura del verde pubblico a Cremona

Mohammad e Modou: dai barconi al servizio civile

Mohammad Abbas, Nicole Bonfanti e Modou Thiam

BOZZOLO - Un anno di impiego per trovare la propria strada e seguire il sogno di un futuro in autonomia. Per Mohammad Abbas e Modou Thiam, l’arrivo in Italia non ha significato sedersi ad oziare, ma una nuova partenza della vita, e grazie al servizio civile nazionale potranno proseguire nel loro percorso. Abbas, ghanese di 20 anni, svolgerà un anno di impiego nella casa famiglia della Fondazione ‘Dopo di noi insieme’, con il progetto ‘Alla scoperta dell’altro una risorsa’. Thiam, 20enne proveniente dal Senegal, sarà impegnato con il progetto ‘La via del Po: la strada verso un territorio di qualità’, per la cura del verde pubblico. L’avvio sarà il 15 gennaio ed in entrambi i casi il servizio si svolgerà a Cremona. Entrambi sono ospiti della cooperativa sociale ‘Emergency Transport Pobic’ di Bozzolo e risiedono nelle strutture di Calvatone e Volongo gestite della cooperativa. A raccontare la loro esperienza la responsabile della formazione di Pobic Nicole Bonfanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

01 Dicembre 2018