il network

Venerdì 18 Gennaio 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


TRIBUNALE DI MANTOVA

Violentò 17enne, condannato a 6 anni di reclusione

Il trentenne di Casalmaggiore era accusato di violenza sessuale nei confronti di una minorenne di Suzzara

Violenta 17enne, condannato a 6 anni di reclusione

Il tribunale di Mantova

CASALMAGIORE - Sei anni di reclusione. A tanto i giudici del tribunale di Mantova hanno condannato, lunedì 7 gennaio, un trentenne di Casalmaggiore accusato di violenza sessuale nei confronti di una diciassettenne di Suzzara (Mn). Il pubblico ministero Carmela Sabatelli nella sua requisitoria aveva chiesto la condanna a una pena di sette anni. Il fatto, avvenuto a Suzzara, risale al giorno di Capodanno del 2012 ma solo nell'aprile 2017, quando ha ricevuto l'avviso di conclusione delle indagini, l'imputato ha saputo di essere indagato per un reato tanto grave. La vittima, tra l'altro, non aveva presentato denuncia, ma l'inchiesta è andata avanti comunque perché all’epoca dei fatti non aveva ancora raggiunto la maggiore età.
Secondo quanto emerso in tribunale, il trentenne casalasco avrebbe prima obbligato la giovane a salire sulla sua macchina, per poi portarla nella golena del Po, in località Riva di Suzzara, costringendola infine a subire un rapporto sessuale. Un testimone, durante l'ultima udienza, ha affermato che mentre camminava su un sentiero ha udito delle urla - "mettimi giù, mettimi giù" - mentre sbucava un'auto. La ragazza ha aperto la portiera e si è buttata fuori, mentre la vettura di allontanava. Il testimone ha allora accompagnato la minorenne all'interno del ristorante 'Argento Vivo', che si trova a poca distanza, dove in seguito sono arrivati i carabinieri. A loro la vittima ha raccontato che il trentenne le aveva anche sottratto a forza il cellulare costringendola poi a spogliarsi: a quanto pare la giovane fu anche morsicata a una mano.


La motivazione della sentenza sarà depositata tra settanta giorni e da allora gli avvocati difensori del casalasco potranno presentare ricorso in appello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

08 Gennaio 2019