il network

Lunedì 20 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:


CASALMAGGIORE

Ponte sul Po: altra vittoria della Provincia di Parma al Tar

Il Tar respinge anche nel merito il ricorso contro l'aggiudicazione dei lavori. La sentenza favorevole mette in luce la correttezza con cui le operazioni di gara sono state portate avanti

Ponte sul Po: altra vittoria della Provincia di Parma al Tar

CASALMAGGIORE (7 maggio 2019) - La Provincia di Parma ha vinto ancora. L'udienza pubblica al Tar di Parma in cui, lo scorso 30 aprile, si è discusso nel merito il ricorso della Eimecos contro l'aggiudicazione dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del ponte stradale sul Po tra Casalmaggiore e Colorno ha prodotto il medesimo risultato della precedente richiesta di sospensiva e del successivo appello al Consiglio di Stato: ricorso respinto.

La sentenza del collegio presieduto dal giudice Marco Poppi è stata resa nota oggi. Non che un'eventuale sentenza sfavorevole da parte della magistratura amministrativa avrebbe potuto influire sui lavori del cantiere, ormai in dirittura d'arrivo con inaugurazione annunciata per il 5 giugno, ma il verdetto favorevole mette in luce la correttezza con cui le operazioni di gara sono state portate avanti e dovrebbe mettere al riparo la Provincia, a meno di un ulteriore ricorso al Consiglio di Stato, da possibili rivalse.

“Siamo molto soddisfatti dell’esito di questa sentenza, che va nella direzione che auspicavamo e che conferma il buon operato dei nostri uffici – ha dichiarato il presidente della Provincia di Parma Diego Rossi –. Il cantiere prosegue, rispettando il crono programma: contiamo di riaprire il ponte, come previsto il 5 giugno”.

Il Tar aveva già respinto la richiesta di sospensiva avanzata da Edilmecos, con la sentenza del 5 dicembre 2018, poi confermata dal Consiglio di Stato l’11 gennaio 2019. Adesso è arrivata la sentenza di merito, ancora una volta favorevole alla Provincia di Parma, che ha visto riconosciuto anche il diritto ad un rimborso delle spese legali pari a 2500 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Maggio 2019