il network

Mercoledì 18 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Casalmaggiore

Processo per leucemia non riconosciuta: il paziente non era in condizioni da giustificare il ricovero

Imputati alcuni medici di Casalmaggiore accusati di lesioni personali colpose

Processo per leucemia non riconosciuta: il paziente non era in condizioni da giustificare il ricovero

Il tribunale di Cremona

CASALMAGGIORE - E’ ripreso nel pomeriggio di mercoledì in tribunale a Cremona il processo che vede imputati alcuni medici di Casalmaggiore accusati di lesioni personali colpose in merito alla vicenda che ha per protagonista Vincenzo Funaro, 39enne residente a Casalmaggiore colpito (tra il 2008 e il 2009) da leucemia acuta. Nei confronti dell’uomo — sostiene la procura — non fu fatta una tempestiva diagnosi. Ieri, prima del rinvio, che il giudice Francesco Sora ha fissato per l’8 maggio prossimo, è stato sentito uno dei medici che ha visitato Funaro al cambio di turno. Il dottore ha riferito che Funaro non presentava condizioni tali da giustificare un ricovero.

Approfondimenti nell'edizione cartacea di giovedì 28 marzo 

27 Marzo 2013