il network

Giovedì 21 Giugno 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASALMAGGIORE

Marco Vallari
"Lascio questo Pd"

L'annuncio dell'ex coordinatore cittadino del partito dopo lo 'scossone' politico a Roma: "Mi sono dimesso dall'assemblea provinciale e non rinnoverò la tessera. Ho bisogno di una pausa di riflessione". E il renziano Luciano Toscani spiazza tutti: "Ora ricompattarsi intorno a Bersani"

Marco Vallari
"Lascio questo Pd"

Marco Vallari

CASALMAGGIORE - L'onda d'urto del terremoto che ha colpito il Partito Democratico parte da Roma e arriva alla periferia. Nel Casalasco il primo effetto si è visto ieri sera, con l'annuncio, dato on-line, dell'uscita dal partito, per una pausa di riflessione, di Marco Vallari, già coordinatore cittadino del Pd (da fine 2009 all'inizio di marzo del 2011) e, fino a ieri, componente dell'assemblea provinciale. "Io - ha scritto ieri sera in un commento su Facebook - mi sono dimesso dall'assemblea provinciale. E la tessera non la rinnovo". Vallari ha affidato al suo blog 'Il circolo della stanza accanto' le spiegazioni della sua decisione: " Oggi lascio il Partito Democratico per prendermi una pausa di riflessione. Ho lottato perché questo partito nascesse ma ora, a sei anni di distanza, vedo che ha preso una strada completamente diversa da quella che mi ero immaginato. Per uno come me, che ha fatto della politica la propria passione di vita è un passo difficile ma che va compiuto una volta per tutte. Non ne faccio una colpa al segretario Bersani che stimo anche se alle ultime primarie ho scelto di appoggiare Renzi. Credo che le responsabilità gravi di quanto stia accadendo a Roma in questi giorni siano da attribuire a tantissime persone che poco sanno adattarsi alla vita democratica di un partito, muovendo le loro scelte in nome di strategie elettorali di scambio piuttosto che per rispondere alle reali esigenze del Paese. Sono profondamente deluso dal centrosinistra ed anche se mi collocherò sempre in quest’area, il mio appoggio non sarà più così scontato. Solo se veramente vedrò uno sforzo di cambiamento potrò tornare ad impegnarmi attivamente. Per ora no. Per ora devo pensare. Per ora devo capire. E come me, sarebbe bene che una pausa di riflessione se la prendessero anche quelli che oggi hanno trasformato in polvere anni di impegno, di militanza, di lavoro volontario di tantissime persone, me compreso. Senza rancore". 

"Non è un addio per sempre - ci ha detto questa mattina Vallari, noto anche per essere il presidente della Pro loco casalese - ma adesso ho bisogno di pensare. A Casalmaggiore continuerò a dare una mano, anche senza tessera, e a sostenere l'amministrazione comunale in carica. Però, per questo Pd 'nazionale' non me la sento più di metterci la faccia".

Dall'ex sindaco di Casalmaggiore Luciano Toscani, fondatore del comitato Renzi provinciale, arriva una riflessione che potrebbe spiazzare qualcuno: "Adesso è il momento di fare quadrato attorno al segretario Bersani". Vuol dire che le sue dimissioni dovrebbero essere respinte e Bersani dovrebbe continuare anche dopo l'elezione del presidente della Repubblica? "Sì, se le sue dimissioni non saranno irrevocabili. Per il cambio di dirigenza ci sono le scadenze congressuali, adesso il Pd deve trovare il modo di ricompattarsi per cercare di dare una risposta, prima che ai suoi problemi, a quelli del Paese. La politica, tutta, ha bisogno di una pausa, ha bisogno di ripensarsi. Se il futuro è un'Italia di partiti personalistici e leaderistici, siamo messi male. Se i democratici hanno dei problemi, e li hanno, gli altri sono impresentabili, senza democrazia interna. Per il Pd, la speranza è che si riesca a trovare una classe dirigente che sappia cercare e trovare la sintesi tra le diverse posizioni, capacità che a tutta evidenza si è persa. Ma per far questo occorre tempo. E l'Italia, la sua economia, le sue famiglie, le sue imprese, di tempo non ne hanno più. Sì, dunque, a un governo istituzionale che faccia le cose che servono".

E, in attesa di smaltire lo shock, il Pd cremonese ha convocato la segreteria provinciale per il prossimo martedì.

20 Aprile 2013