il network

Venerdì 20 Aprile 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Viadana

Cittadini insolventi, bilancio preventivo in affanno

"All'appello manca un milione e mezzo di euro", dice il sindaco Giorgio Penazzi

Cittadini insolventi, bilancio preventivo in affanno

Il sindaco Giorgio Penazzi

VIADANA — Un milione e mezzo di euro manca all’appello ma va trovato nel giro di poche settimane altrimenti il bilancio preventivo del 2013 non potrà essere chiuso. Il sindaco Giorgio Penazzi è al lavoro con il suo staff per colmare il ‘buco’ che viene anche dalla previsione di mancati pagamenti di servizi da parte dell’utenza. 

«Purtroppo è vero — afferma sconsolato il primo cittadino —: una parte sempre maggiore della popolazione non riesce a pagare le tariffe delle mense scolastiche, dello scuolabus, dei rifiuti e di altri servizi comunali. Per scrivere un bilancio corretto siamo costretti ad accantonare risorse per almeno 100mila euro, proprio per ovviare a quelle mancate entrate che dobbiamo prevedere». 

Un’amara considerazione quella di Penazzi e che rende oltremodo la misura della crisi finanziaria che anche tante famiglie del Viadanese stanno affrontando. L’accantonamento per il 2013 precede di un anno ciò che gli enti dovranno obbligatoriamente effettuare dal 2014 quando i crediti non facilmente esigibili dovranno essere segnalati. L’unica, ormai quasi da ritornello, soluzione sono i tagli che verranno effettuati ancora una volta sui servizi. 

Approfondimento sull'edizione cartacea in edicola martedì 23 aprile

23 Aprile 2013