il network

Mercoledì 12 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASALASCHI NEL MONDO

Elena Mariani, da Casanova d'Offredi a Monaco di Baviera

"Ho intrapreso un'esperienza lavorativa a lungo termine nel settore del Supply Chain Management, in un´azienda che promuove e commercializza il Made in Italy più richiesto: la moda italiana"

Elena Mariani, da Casanova d'Offredi a Monaco di Baviera

CASANOVA D'OFFREDI (Ca' D'Andrea) - Nuova puntata nel viaggio tra i 'Casalaschi nel mondo'. La new entry nel sito omonimo si chiama Elena Mariani, è originaria di Casanova d'Offredi, frazione di Ca' D'Andrea, e vive a Monaco di Baviera. Di seguito il suo racconto di vita: 

"Crescere a Casanova d´Offredi, un piccolo paese del Casalsaco, sperduto chissà dove, non ha limitato i miei orizzonti e le mie aspettative.

Sin da giovanissima, ho coltivato il mio talento per le lingue straniere scegliendo di frequentare il Liceo Linguistico “Daniele Manin” dove ho affrontato, per la prima volta, la lingua tedesca. A primo impatto mi sembrò brusca, difficile, per non dire impossibile. Tuttavia mi affascinò particolarmente e tuttora ritengo che sia la mia lingua preferita.

Dopo quei primi passi, ho intrapreso un percorso che mi ha permesso di padroneggiare l'intero panorama linguistico, sociale e culturale del popolo tedesco. Tuttavia le intense sedute di studio di letteratura tedesca non potevano prepararmi appieno al coinvolgimento e sconvolgimento dell'avventura Erasmus, che ho vissuto nel cuore della Baviera, a Bayreuth. Questa cittadina fu capitale del Regno dei Margravi, con le sue regge monumentali, i castelli e il teatro, dallo stile barocco così imponente e bizzarro, e deve la sua fama mondiale ai drammi musicali Wagneriani. Davvero non mi aspettavo di essere accolta così cordialmente da tutte le persone che vi ho conosciuto.

In tutti gli anni in cui ho vissuto in terra teutonica e in ogni città che ho visitato, i tedeschi mi hanno sempre riservato un trattamento impeccabile e ho stretto rapporti di amicizia, sui quali posso contare ancora oggi. Certo non si può dire che i tedeschi siano un popolo caloroso, ma dopo l’iniziale diffidenza, seguono rapporti schietti e gioviali. Se il tedesco è diventato la mia lingua preferita, la Baviera invece è diventata il mio microcosmo ideale: la zona più esteticamente bella, gioiosa e vitale dell'intera Germania. Qui ho trascorso molti periodi di felicità, con i miei amici crucchi e la loro musica chiassosa, le salsicce grigliate, i Brezn fragranti, la birra gelata e lo svago all'aria aperta. Nonostante Bayreuth mi sia sempre rimasta nel cuore per quanto vi ho imparato, le successive peripezie mi hanno portato nella città più rappresentativa della Germania Meridionale: Monaco, grande protagonista della storia mitteleuropea.

Lavorando all'Ufficio Turistico di München, ho avuto modo di trasmettere la mia passione per questa città ai suoi visitatori, tra i quali molti italiani. Dopo un impiego nel settore economico, ho intrapreso un'esperienza lavorativa a lungo termine nel settore del Supply Chain Management, in un´azienda che promuove e commercializza il Made in Italy più richiesto: la moda italiana.

Alla fine guardandomi indietro, posso dire di aver vissuto una bella avventura, che mi ha permesso di avverare dei sogni che pensavo irrealizzabili. Il mio percorso non è stato privo di ostacoli, altrimenti non sarebbe stata un'avventura. Quindi consiglio ai miei compaesani di cogliere ogni occasione utile per conseguire i loro obiettivi, perché io ho sperimentato che la fortuna non è così fortuita come la si crede".

26 Aprile 2013