il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Mensa scolastica, giovedì incontro sulla petizione (oltre 150 firmatari)

L'annuncio del promotore Gian Carlo Simoni, genitore e componente dell'apposita Commissione

Mensa scolastica, giovedì incontro sulla petizione (oltre 150 firmatari)

Una fase della riunione sulla mensa del 16 aprile (foto Osti)

CASALMAGGIORE  - Si discuterà della petizione sulla mensa scolastica, promossa da Gian Carlo Simoni (componente della Commissione Mensa), in un incontro fissato per giovedì 16 maggio (ore 17.30). Lo annuncia lo stesso Simoni sui social network: "I genitori che vogliono sapere e capire mi contattino". La petizione lanciata via internet su www.change.org ha raggiunto oltre 150 sottoscrizioni e non è direttamente collegata al caso dei vermi trovati nell'insalata e su una pizza, ma chiede che il Comune - che gestisce direttamente la mensa- si uniformi alla linee guida regionali e nazionali predisponendo un apposito capitolato e che nel servizio vengano introdotti altri prodotti bio, a filiera corta (del territorio), con più varietà e qualità. A seguire, il documento prodotto dalla Commissione Mensa lo scorso 27 aprile.

CASALMAGGIORE — Torna sotto i riflettori il caso mensa scolastica, dopo il ritrovamento di un verme nell’insalata servita ad un alunno (e un altro una decina di giorni prima) con il ‘polverone’ che ne è scaturito. A portare di nuovo la questione all’attenzione dell’opinione pubblica è la Commissione Mensa dei plessi di Casalmaggiore, Vicomoscano, Cappella e Roncadello con una nota chilometrica di ‘chiarimento’ inviata ai giornali.

C’è una parte del comunicato, che riguarda il coinvolgimento degli organi di stampa, che presentiamo subito con alcune nostre precisazioni. Di seguito il testo integrale. 
«La commissione mensa — dice la nota — non ha mai contattato la stampa per informare di eventuali disservizi o per rendere pubblico l’incontro del 16 aprile (cui hanno preso parte l’amministrazione comunale, insegnanti, l’Asl e la stessa commissione, nda)». «La commissione — prosegue il comunicato — ha sempre relazionato ai referenti comunali sugli esiti e le problematiche riscontrate durante i propri sopralluoghi presso i refettori, come stabilito dal regolamento interno. La commissione non ha richiesto la presenza della stampa all’incontro del 16 aprile, non è stata avvertita e, conseguentemente, non ha concesso alcun permesso a effettuare delle riprese video». 

La presenza della stampa il 16 aprile — precisiamo — è stata autorizzata dal sindaco Claudio Silla (l’immobile scolastico è di proprietà dell’amministrazione comunale, che gestisce il servizio mensa) che ha convocato l'incontro e nessuno, in quell’occasione, ha avanzato obiezioni alla ben identificabile presenza degli organi di informazione, peraltro annunciata in apertura di riunione dal primo cittadino, che ha presentato con nome e cognome i singoli giornalisti e le loro testate di appartenenza.

 

Di seguito il comunicato inviato alla stampa

COMMISSIONE MENSA PLESSI SCOLASTICI DI CASALMAGGIORE, VICOMOSCANO, CAPPELLA, RONCADELLO:
Chi siamo e cosa facciamo?

Nei giorni scorsi, alcuni accadimenti diffusi a mezzo stampa e rete, riguardanti la mensa scolastica e l’operatività della Commissione Mensa, rendono necessari opportuni chiarimenti da parte nostra, con la trasparenza, la concreta e fattiva collaborazione che per scelta ci contraddistinguono:

IN MERITO AL COINVOLGIMENTO DEGLI ORGANI DI STAMPA

  1. La Commissione Mensa NON ha mai contattato la stampa per informare di eventuali disservizi o per rendere pubblico l’incontro del 16 aprile, ed ha sempre relazionato ai referenti comunali del servizio, gli esiti e le problematiche eventualmente riscontrate, durante i propri sopralluoghi presso i refettori, come stabilito dal Regolamento interno

  2. La Commissione Mensa NON ha richiesto la presenza della stampa all'incontro del 16 aprile scorso, non è stata avvertita e conseguentemente non ha concesso alcun permesso ad effettuare delle riprese video

IN MERITO ALLA QUESTIONE “POLITICA”

1. La Commissione Mensa è apolitica, nessun componente della stessa ha incarichi di partito. Nessun esponente politico ha mai partecipato o chiesto informazioni ufficiali sull’operato della commissione, per cui ci dissociamo dalle richieste formulate a mezzo stampa (il riferimento è alle dichiarazioni del Movimento 5 Stelle che aveva richiesto al Comune tutta una serie di documentazioni, nda)

IN MERITO AL “VERME NEL PIATTO”

  1. La Commissione Mensa precisa che i vermi ritrovati sono due in due occasioni differenti a distanza di circa una decina di giorni, l’uno dall’altro.

  2. La Commissione Mensa ed i suoi componenti hanno seguito correttamente le procedure, comunicando tempestivamente al Comune, gestore del servizio, le dinamiche del ritrovamento che, nel primo caso è stato riferito da un genitore, mentre nel secondo caso è stato prontamente segnalato da un membro stesso della commissione appartenente al corpo insegnanti. Nessuno dei componenti la commissione ha avvisato la stampa di quanto accaduto.

  3. La Commissione Mensa è interessata a sapere se i vermi sono stati conservati per una opportuna analisi e cosa prevedono le procedure interne della mensa in questi casi

  4. La Commissione Mensa concorda sul fatto che la gestione interna della mensa scolastica sia un valore da salvaguardare, e che è bene sia gestito secondo le regole sancite dalle Linee Guida, secondo un Capitolato cha va al più presto predisposto, al fine di garantire la varietà, la qualità e la massima salubrità del servizio reso ai bambini che ne sono l’utente finale

IN MERITO ALLA VISITA DEI NAS DEL GIORNO 16 APRILE PRESSO IL CENTRO COTTURA

1. La Commissione Mensa NON ha sollecitato ne segnalato alcunché ai Carabinieri e di conseguenza al nucleo NAS

IN MERITO ALL’INCONTRO CON L’ASL DI CREMONA

  1. La Commissione Mensa informa che le richieste di maggiore varietà del menù sono state apprezzate dall'Asl che verrà incontrata in una successiva occasione insieme al cuoco della mensa, per migliorare questo aspetto del servizio

  2. La Commissione Mensa inforna che in più occasioni è stato segnalato agli organi competenti che alcuni alimenti non graditi ai bambini (es. mozzarella e grana) vengono sistematicamente buttati e, ne ha consigliato la sostituzione con pietanze più gradite (es. altri tipi di formaggio o cucinati in maniera differente)

  3. La Commissione Mensa non condivide alcune dichiarazioni degli incaricati dell’Asl, in merito all’impossibilità di ottenere la qualità in una mensa scolastica, ed alla difficoltà nell’adozione di Olio Italiano Biologico peraltro previsto dalle Linee Guida Regionali e Nazionali

  4. La Commissione Mensa precisa che le richieste presentate durante l’incontro del 16/4, a Comune e Asl, di maggiore varietà e qualità dei prodotti inseriti nel menù proposto ai bambini (previste dalle Linee guida Nazionali e Regionali), NON derivano dal gusto personale di alcuni genitori, ma da richieste precise dei bambini che sono gli utenti finali del servizio

  5. La Commissione Mensa chiede all'Asl di Cremona di vigilare sulla immediata predisposizione del Capitolato per le forniture di alimenti, previsto dalle Linee Guida Regionali per la Ristorazione Scolastica (anno 2002) e dalle Linee Guida Nazionali per la Ristorazione Scolastica del Ministero della Salute (anno 2010) e solo successivamente di provvedere all’approvazione del menù

IN MERITO ALL’OPERATO DELLA COMMISSIONE MENSA

  1. La Commissione Mensa comunica di essere già istituzionalizzata come prevedono le Linee guida Nazionali e Regionali e, che il Comune, l’ASL e la Scuola, ne hanno approvato l’operato

  2. La Commissione Mensa provvede sistematicamente ad informare Comune e Scuola, in merito agli esiti dei sopralluoghi effettuati ed alle eventuali problematiche riscontrate

page1image37448 page1image37608 page1image37768 page1image37928 page1image38088 page1image38248

1

  1. La Commissione Mensa chiede di essere attivamente coinvolta nella prossima redazione del Capitolato attualmente mancante, che l’Amministrazione Comunale si impegna a predisporre entro e non oltre l’inizio del prossimo anno scolastico (settembre 2013), in base a quanto previsto dalle Linee Guida Nazionali e Regionali

  2. La Commissione Mensa propone che nel Capitolato di prossima stesura, come contemplato dalle Linee Guida Regionali e Nazionali, venga introdotto l’utilizzo di altri prodotti Bio (oltre a uova, pane e frutta già presenti), ma soprattutto di prodotti specifici del nostro territorio, garantendo il ricorso ad una filiera corta, ad una migliore qualità e contestualmente ad un risparmio di costi, consentendo così di utilizzare le risorse economiche a garanzia di una maggiore varietà e qualità degli alimenti

IN MERITO ALLA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

  1. La Commissione Mensa comunica che la petizione è stata predisposta autonomamente da un componente della commissione senza averci nello specifico informato.
    Il genitore aveva in precedenza manifestato l’intenzione di chiedere personalmente all’Amministrazione Comunale, l’adeguamento a quanto previsto dalle Linee Guida Nazionali e Regionali e, non avendo ricevuto risposte ha deciso di agire individualmente

  2. La Commissione Mensa, pur non essendo in accordo con i tempi ed in parte la forma di tale iniziativa, ne condivide la sostanza, in quanto la petizione riprende le richieste da noi formulate per iscritto al Comune, in merito alla necessità di adeguarsi alle Linee Guida, predisponendo un apposito Capitolato

Concludendo precisiamo che:

page2image12808
page2image14072

La Commissione Mensa è stata costituita nell’anno scolastico 2011\2012, su base volontaristica da parte di alcuni genitori ed insegnanti delle frazioni di Casalmaggiore (primaria e materna di Vicomoscano, materna di Roncadello, e materna di Cappella) dopo un’assemblea dei genitori e su proposta della Presidente di Circolo della Scuola Marconi allora in carica. Nello stesso anno, un gruppo di genitori della primaria di Casalmaggiore chiede ed ottiene che la Commissione Mensa sia estesa anche al loro plesso. Con il benestare della Dirigente Scolastica e, con l’augurio di “buon lavoro” da parte del Sindaco, la Commissione Mensa inizia i propri lavori approvando un regolamento che segue le “Linee Guida della Regione Lombardia per la ristorazione scolastica” dell’agosto 2002 e rendendo noti i nomi dei propri componenti nonché i propri obiettivi a tutti gli enti interessati (Comune, ASL, Scuola).

La Commissione Mensa è costantemente impegnata a proteggere gli interessi dell’utenza (bambini e loro famiglie), in particolare svolge l’importante ruolo di collegamento tra bambini, famiglie e Comune di Casalmaggiore (gestore del servizio mensa), oltre all’attività di monitoraggio dell’accettabilità del pasto e di qualità del servizio attraverso idonei strumenti di valutazione (sopralluoghi in tutti i refettori delle scuole d’infanzia e primarie comunali), nonché una funzione consultiva per quanto riguarda le variazioni del menù scolastico, la modalità di erogazione del servizio ed i capitolati d’appalto per l’approvvigionamento degli alimenti.

In questi due anni (anni scolastici 2011\2012- 2012\2013) di lavoro, sono stati effettuati diversi sopralluoghi nel centro cottura e nei refettori di tutte le scuole, ed in riferimento a ciò la Commissione Mensa ha formulato al Comune (responsabile diretto del servizio) specifiche richieste, tra cui un Capitolato di qualità, un menù più ricco e vario, che segua la stagionalità e la filiera corta delle materie prime, e misure idonee volte a garantire migliori condizioni igieniche.

Per comunicare con la Commissione Mensa, è disponibile la mail: commensa.vicaro@libero.it

page2image35016 page2image35496 page2image35976 page2image37360

14 Maggio 2013