il network

Mercoledì 12 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Cingia de' Botti

Rosa Ventrella candidata al Premio Campiello 2013

Con 'La Visionaria' la docente racconta la storia di Benedetta Carlini, badessa di un piccolo convento di Pescia, la cui vita è segnata da eventi straordinari

Rosa Ventrella candidata al Premio Campiello 2013

Rosa Ventrella e la copertina del libro

CINGIA DE’ BOTTI - La professoressa Rosa Ventrella, docente alle scuola medie di Cingia de’ Botti, dopo ‘Honorata cortigiana’ (Arkadia Editore), ha scritto un nuovo romanzo storico, che verrà presentato sabato 18 maggio alle ore 18. Si chiama ‘La visionaria e - uscito per Ciesse edizioni - è candidato al Premio Campiello 2013. 

“La visionaria - racconta l’autrice - nasce per raccontare la storia inedita di una donna realmente vissuta, Benedetta Carlini, una badessa di un piccolo convento di Pescia, la cui vita è stata segnata da eventi straordinari. Uno dei casi più torbidi della vita claustrale del nostro Paese. Ho deciso di occuparmene perchè la vicenda della Carlini è rimasta inedita in Italia mentre ha suscitato molto interesse negli Stati Uniti, per esempio, dove sono stati scritti due saggi sul processo a Benedetta, il più importante quello di Judith Brown”.  Ma per la professoressa Ventrella c’è un’altra bella notizia. Il suo prossimo romanzo uscirà infatti per la Newton Compton editori, uno dei più grossi marchi editoriali attualmente presenti in Italia. 

“La cosa mi riempie di gioia e costituisce, a mio parere, anche un monito per i nostri ragazzi, a non rinunciare mai ai sogni”. Il romanzo che uscirà per la Newton Compton “è una storia di famiglia, una storia di donne. Questa volta le vicende storiche vere - il romanzo abbraccia quasi tutto il Novecento, infatti - fanno solo da corollario; è un romanzo di sentimenti, nel quale spicca il rapporto viscerale, di odio/amore tra una madre e una figlia. E' la storia di tre generazioni di donne, donne di paese, ma anche sfaccettate, poliedriche. Donne normali ma uniche. Nel romanzo sono racchiusi i ricordi della mia infanzia, per questo è stato doloroso ma al tempo stesso meraviglioso scriverlo. Per quanto riguarda la pubblicazione con la Newton poi, per me è un sogno che si realizza, dopo anni di "gavetta". Spero l'inizio di una nuova avventura. Per quanto riguarda il titolo mi riservo ancora, visto che il romanzo è in fase di editing e l'editore potrebbe anche decidere di cambiarlo”.  

Rosa Ventrella è originaria di Bari. Si è laureata in storia contemporanea, con il massimo dei voti, presso l'Università di Parma ed insegna Lettere. Vive a Cremona con il marito e la figlia. Ha tenuto, per diversi anni, dei laboratori di scrittura creativa e scrive da tempo per riviste storiche e siti specializzati. Appassionata di storia e letteratura, coltiva l'amore per la scrittura da adolescente. Ha infatti scritto il suo primo romanzo all'età di 13 anni e ha pubblicato già altri libri (come ‘Innocenza e peccato’ e il saggio storico ‘Terra e vita’).

07 Maggio 2013