il network

Martedì 16 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmagiore

Giorni di gemellaggi: Roma e Guillerand-Granges protagonisti

Giunte in città le delegazioni della scuola media Settembrini e della località francese

Giorni di gemellaggi: Roma e Guillerand-Granges protagonisti

L'accoglienza della scuola romana alla Diotti (foto Osti)

CASALMAGGIORE — Nel tardo pomeriggio di martedì sono stati accolti da una esibizione musicale-folcloristica con balletti a cura del gruppo storico ‘Il Torrione’ e del laboratorio scolastico ‘Uno tira l’altro’ tenuto dalla professoressa Lucilla Valenti in collaborazione con la cooperativa Santa Federici, gli studenti della scuola media ‘Settembrini’ di Roma, legati da anni da uno scambio di amicizia con l’istituto comprensivo ‘G. Diotti’. Mercoledì i ragazzi andranno in gita a Ravenna. Domani si suddivideranno in tre gruppi partecipando a tre attività: laboratorio al Museo del Bijou, laboratori de ‘Il Torrione’ (danze storiche, artigianato, tamburi), scoperta delle bellezze di Casalmaggiore (orienteering culturale nel centro cittadino). Nel pomeriggio giochi sportivi e alle 20 festa di saluto agli amici romani nella palestra con sfilata in costume e danze storiche. Venerdì in mattinata visita guidata a Cremona, alla sala violini con audizione e rientro a Roma. 

Restando in tema di ‘gemellaggi’, accoglienza in municipio ieri pomeriggio per la delegazione proveniente da Guillerand Granges, e ospitata nelle famiglie, che ha incontrato il sindaco Claudio Silla oltre al presidente del gemellaggio Calogero Tascarella. Insieme a loro gli assessori Pierluigi Pasotto e Tiziano Ronda e il consigliere Ermelinda Casali, vice presidente del comitato. I francesi hanno donato un quadro che rappresenta la piazza casalese e la rocca di Guillerand. «La vostra presenza è un fatto importante perché fra le due comunità c’è stato uno scambio intergenerazionale fatto di scuola, di arte, di musica. Un gemellaggio — ha detto Tascarella — iniziato con il sindaco Luciano Toscani, proseguito con Silla e destinato a continuare perché è un perno della politica delle due città»

07 Maggio 2013