il network

Martedì 21 Agosto 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Da Cardè a Venezia per monitorare il Po

Sei canoisti piemontesi ripercorrono le tappe di un analogo viaggio lungo il grande fiume di trent'anni fa

Da Cardè a Venezia per monitorare il Po

I protagonisti della discesa lungo il Po (foto Osti)

CASALMAGGIORE - Navigando lungo il grande fiume, sei canoisti piemontesi - Alex Zambon, Renato Audino, Mauro Cerruti, Flavio Chiarot, Maurizio Pallante e Lucio Addondi - sono approdati nella tarda mattinata di venerdì agli Amici del Po. 

Quattro su una barca a remi, seguiti da altri due su canoe di supporto. Partiti lo scorso 4 maggio da Cardè, 50 chilometri a nord di Torino, dal primo tratto navigabile del Po, gli escursionisti, che nella loro impresa hanno il patrocinio di Legambiente, del Comune di Torino e della Regione Piemonte, stanno ripercorrendo le stesse tappe di un viaggio effettuato dal Club Canoa Torino. Allora fu una esperienza con la principale finalità di monitorare le condizioni del fiume. In questi giorni questa attività è resa difficile dalla piena, ma ciò nonostante i sei amici - il più giovane 46enne, il più anziano 71enne - hanno potuto constatare come la situazione appaia lievemente migliorata. 

Il raffronto è stato possibile grazie al fatto che tre decenni fa tutto venne scrupolosamente annotato da un giornalista al seguito. Uno dei problemi evidenziati è l’abbassamento dell’alveo di circa 5 metri, legato alla presenza di cave.  I navigatori del Po hanno raccontato di essere stati accolti benissimo in tutte le loro fermate. Ad esempio a Isola Pescaroli, dove hanno visitato il museo locale. A loro avviso, le potenzialità turistiche offerte dal fiume sono molteplici ma andrebbero valorizzate adeguatamente. Ieri sera i sei hanno raggiunto il Canoa Club Boretto e oggi giungeranno a Motteggiana. Domani, invece, toccheranno Revere. Ultimo approdo, il 15 maggio, a Venezia. Durante il loro percorso hanno incontrato solo un problema, il secondo giorno, un grosso temporale che però non ha rallentato la loro ‘marcia’. 

10 Maggio 2013