il network

Domenica 21 Ottobre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


San Giovanni in Croce

Felice Aruta scagionato dalle accuse di resistenza a pubblico ufficiale

L'episodio contestato avvenne il 19 aprile 2010 durante lo sfratto da casa per il mancato pagamento dell'affitto

Felice Aruta scagionato dalle accuse di resistenza a pubblico ufficiale

SAN GIOVANNI IN CROCE - Felice Aruta, 53 anni, residente a Scandolara Ravara, ma all'epoca dei fatti a San Giovanni in Croce, ieri mattina è stato assolto dall'accusa di resistenza a pubblico ufficiale per l'episodio avvenuto il 19 aprile 2010.

L'uomo, dipendente della 'Bini Fernando Spa' di Scandolara, in cassa integrazione, era stato sfrattato. Pagava 400 euro di affitto al mese ma non riusciva a onorare il dovuto. Alcuni mesi percepiva anche somme minime (24 euro). Al momento dello sfratto il figlio di Aruta reagì prendendosela con il sindaco Vittorio Ceresini e con i carabinieri. Se il filone processuale relativo al figlio è già stato esaurito, con l'assunzione delle proprie responsabilità da parte del figlio, il padre lunedì mattina è stato assolto. 

I testimoni hanno dichiarato che Aruta non si è opposto alle procedure di sfratto e non ha opposto resistenza ai carabinieri intervenuti. Per questo è stato completamente scagionato dalle accuse.

Approfondimento sul giornale in edicola martedì 14 maggio

13 Maggio 2013