il network

Sabato 21 Luglio 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Viadana

Colpo a 'La Fondiaria', condannati i due rapinatori

Due anni e sei mesi per Michele Paolino 47enne di Viadana e due anni per Giosuè Palomba 55enne di Torre del Greco

Colpo a 'La Fondiaria', condannati i due rapinatori

A sinistra Paolino, a destra Palomba

VIADANA – Sono stati condannati a due anni e sei mesi (usufruendo del rito abbreviato) e a due anni con patteggiamento (pena sospesa in questo secondo caso) Michele Paolino 47enne di Viadana e Giosuè Palomba 55enne di Torre del Greco (Napoli), responsabili il 24 maggio scorso di una rapina all’agenzia ‘La Fondiaria Sai’ di via Sanfelice a Viadana. La sentenza è stata emessa martedì in Tribunale a Mantova. 

L'ARRESTO 

VIADANA - I carabinieri di Viadana hanno arrestato i due rapinatori che nella mattinata di venerdì hanno preso di mira l'agenzia dell'assicurazione 'La Fondiaria' di via Sanfelice. 

I FATTI

Viadana. Alle 10,20 odierne un uomo mascherato con passamontagna ed armato di pistola si è presentato nell’ufficio della compagnia d’assicurazioni “La Fondiaria” di via Sanfelice 53, ha minacciato il responsabile ed un’impiegata e si è fatto consegnare poco più di duemila euro in contanti; poi è fuggito a bordo di una Fiat Punto nera condotta da un complice.

Le indagini immediatamente avviate dal dipendente nucleo operativo e radiomobile si sono concentrate sui clienti della filiale, fra i quali ne è stato individuato uno con precedenti per rapina: PAOLINO Michele, 47enne senza occupazione originario della provincia di Napoli ma residente a Viadana: rintracciato, è stato condotto in caserma dove, mentre attendeva l’esito degli accertamenti a suo carico e immaginando di essere stato scoperto, ha cominciato a prodursi in atti autolesionisti danneggiando gli arredi della sala d’attesa e colpendo a testate il vetro blindato all’ingresso, impegnandosi poi in una violenta colluttazione con i carabinieri intervenuti per sedarne l’esuberanza. Nella circostanza nessuno è rimasto ferito.

Esaminando il telefono cellulare del PAOLINO gli investigatori hanno ricavato un numero sospetto che è stato ricondotto ad un altro viadanese originario del napoletano, PALOMBA Giosué, 54enne anch’egli senza occupazione: la perquisizione nella sua abitazione ha permesso di ritrovare l’auto utilizzata, i passamontagna e la pistola, un giocattolo replica di una Beretta 84.

La ricostruzione del fatto ha permesso di individuare il PAOLINO come l’uomo che ha materialmente commesso la rapina e il PALOMBA in colui che è rimasto a bordo dell’auto.

Arrestati entrambi per rapina in concorso, il solo PAOLINO anche per resistenza con violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato di strutture pubbliche.

Carcere di Mantova.

18 Dicembre 2013