il network

Sabato 21 Luglio 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Gussola

"Mai più in ordine sparso": accordo per un piano d'area vasto

Protocollo d'intesa tra la Provincia e 14 Comuni del territorio casalasco

"Mai più in ordine sparso": accordo per un piano d'area vasto

La firma del protocollo d'intesa

L'accordo sottoscritto è finalizzato alla redazione del piano territoriale d'area casalasco per ottimizzare l'uso e la gestione delle risorse territoriali, ambientali ed economiche. Si parla ad esempio di attività produttive, logistiche e di servizio, ma anche di infrastrutture, contenimento di consumo di suolo agricolo, valorizzazione ambientale.

GUSSOLA - Mai più in ordine sparso, ma sempre più uniti. Questa la filosofia alla base del protocollo d'intesa siglato poco prima delle 19 di lunedì 27 maggio in sala consiliare tra la Provincia di Cremona e 14 Comuni casalaschi: Casteldidone (rappresentato dal sindaco Mario Gualazzi), Cingia de' Botti (vicesindaco Giovanni Maccagnola), Gussola (sindaco Marino Chiesa), Motta Baluffi (sindaco Giovanni Vacchelli), Scandolara Ravara (sindaco Gianmario Magni), San Giovanni in Croce (sindaco Pierguido Asinari), San Martino del Lago (sindaco Dino Maglia), Solarolo Rainerio (sindaco Clevio Demicheli), Torricella del Pizzo (assente), Voltido (sindaco Fabio Valenti), Casalmaggiore (sindaco Claudio Silla), Martignana di Po (sindaco Alessandro Gozzi), Rivarolo del Re (sindaco Marco Vezzoni) e Spineda (vicesindaco Fabrizio Bonfatti Sabbioni). Per la Provincia c'erano il presidente Massimiliano Salini, l'assessore Giovanni Leoni, il dirigente del Settore Pianificazione Territoriale, architetto Maurizio Rossi, e il caposervizio del medesimo Settore, architetto Barbara Armanini. Presente anche il consigliere regionale Carlo Malvezzi. L'accordo sottoscritto è finalizzato alla redazione del piano territoriale d'area casalasco.

L'accordo sottoscritto è finalizzato alla redazione del piano territoriale d'area casalasco per ottimizzare l'uso e la gestione delle risorse territoriali, ambientali ed economiche. Si parla ad esempio di attività produttive, logistiche e di servizio, ma anche di infrastrutture, contenimento di consumo di suolo agricolo, valorizzazione ambientale.

"Si tratta di un lavoro complesso al quale crediamo molto", ha esordito Chiesa. Salini: "Accordi di questo tipo sono ormai necessari, perché occorre concentrarsi sugli aspetti essenziali, dando risposte efficaci ai cittadini sfruttando quel che già c'è. Questa iniziativa non ha nulla di calato dall'alto, ma nasce dal territorio. Mi fa piacere ci sia anche Casalmaggiore, perché con il progressivo ridimensionamento delle Province il ruolo dei Comuni è destinato ad aumentare". E Casalmaggiore, per le sue caratteristiche, avrà un ruolo chiave. Il presidente ha invitato a concentrare gli sforzi per "abbandonare i singoli interessi di paese". Il consigliere regionale Carlo Malvezzi ha rimarcato quanto "queste operazioni indichino la maturità degli amministratori, che guardano oltre i propri confini per vedere cosa è utile per il territorio". Malvezzi ha anticipato che nella giornata di martedì 28 la Regione prorogherà al 30 giugno 2014 il termine per l'approvazione dei Piani di Governo del Territorio. "Dopo la pausa estiva, la legge regionale 12 sui Pgt verrà revisionata". L'assessore provinciale alla partita, Leoni, ha osservato che "entro fine luglio verrà definito un progetto", tramite un 'tavolo operativo' ristretto di sindaci, amministratori provinciali e tecnici. "Entro fine 2013 sarà presentato il progetto finale". Il lavoro viene guardato con estremo interesse dall'assessore regionale Viviana Beccalossi. Silla ha dato atto alla Provincia di "aver condotto nel migliore dei modi i processi, facendoli partire dal basso".

Al termine dell'incontro, prima della firma, Salini ha annunciato che la Provincia si attiverà per chiedere lo stato di calamità naturale per le produzioni agricole danneggiate dalle piogge. Vacchelli, dal canto suo, ha segnalato che iniziano "ad essere segnalati in golena numerosi cinghiali, provenienti dal Piacentino".

27 Maggio 2013