il network

Martedì 19 Giugno 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


Casalmaggiore

Ospedale Oglio Po, Torchio torna alla carica su fondi e primariati

Una interrogazione urgente alla giunta provinciale: "Quali garanzie abbiamo dalla Regione sui 750.000 euro promessi e sugli altri servizi e incarichi?"

Ospedale Oglio Po, Torchio torna alla carica su fondi e primariati

CASALMAGGIORE - Interrogazione urgente a risposta orale sul futuro dell'ospedale Oglio Po alla giunta provinciale da parte del consigliere di minoranza Giuseppe Torchio (Lista Civica Provinciale). 

L'ex presidente chiede di conoscere se la giunta "non intenda assumere ogni elemento conoscitivo e quindi riferire su quali concrete iniziative Assessorato Regionale e Direzione Generale Ospedaliera di Cremona ed in quali tempi e con quali risultati abbiano assunto per garantire le misure finanziarie (750 mila euro) e di organizzazione strutturale (primariati e servizi) per difendere e potenziare il ruolo dell'Ospedale Oglio-Po".

Torchio ricorda "l'avvenuta approvazione in data 31 gennaio u.s. del POA (Piano Operativo Aziendale) dell'Azienda Ospedaliera di Cremona, particolarmente penalizzante per l'Ospedale Oglio Po con la perdita di primariati (Ortopedia, Pediatria, Medicina) e ridimensionamento di servizi". Cita "l'immediata pubblicazione dello stesso sul BURL (Bollettino Ufficiale Regione Lombardia) del 1 febbraio scorso ed a mente delle vibrate proteste emerse a livello locale ai vari livelli amministrativi, politici, sindacali e della società civile, sia dell'area casalasca che mantovana".  

Rammenta "gli impegni pubblicamente assunti dalla Regione anche attraverso le sue referenze sanitarie ed istituzionali milanesi e locali, sia negli incontri di Bozzolo, Casalmaggiore e Viadana con l'Assessore Bresciani che, successivamente, alla vigilia delle elezioni regionali ed, in particolare, con l'impegno di mettere a disposizione un pacchetto di risorse pari a 750 mila euro per l'Ospedale Oglio Po ed per il ripristino dei primariati soppressi e l'azzeramento dei tagli previsti in altri servizi quali il laboratorio analisi, etc.".

Sottolinea  "il ricorrente e recente rincorrersi di roboanti proclami a mezzo di autorevoli rappresentanti locali circa il mantenimento ed il potenziamento dell'Ospedale Oglio Po che risulterebbero in totale dissonanza con il POA approvato il 31 gennaio scorso e con la notizia della prossima fuoriuscita della reggenza di Pediatria".

Sottolinea "le vive preoccupazioni emerse anche a livello di amministratori del territorio rispetto alla soppressione dei primariati anche dopo le rassicurazioni fornite in recenti incontri con i Sindaci di Viadana e di Casalmaggiore".

11 Giugno 2013