il network

Martedì 22 Maggio 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CAPPELLA DI CASALMAGGIORE

Addio a Maurizio Araldi
"Il bene che ha seminato sarà raccolto"

Classe '47, era un punto di riferimento di tutto il territorio per le iniziative in ambito sociale. La funzione celebrata da Fratel Francesco Zambotti delle 'Tende di Cristo'

Addio a Maurizio Araldi
"Il bene che ha seminato sarà raccolto"

L'ULTIMO SALUTO

CASALMAGGIORE (Cappella) - Chiesa gremita di gente stamane (mercoled' 19 giugno) alle esequie di Maurizio Araldi, figura di riferimento per il terzo settore, per il volontariato e la disabilità. Mondi che nel tempio erano ampiamente rappresentati, insieme a un ricco parterre di autorità e figure istituzionali, a partire dal sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla, che si sono stretti intorno ai famigliari e agli amici. La funzione è stata celebrata da Fratel Francesco Zambotti, delle comunità 'La Tenda di Cristo', amico personale di Maurizio: "Quello che ha seminato in vita sarà raccolto anche da altre persone", ha detto padre Zambotti, affiancato dal parroco del paese don Alfredo Assandri, dal parroco emerito di Vicobellignano don Franco Vecchini, da don Alberto Franzini, parroco coordinatore delle parrocchie riunite di S. Stefano e S. Leonardo di Casalmaggiore e dal collaboratore do Angelo Bravi. Una vita a seminare il bene in quel solco su cui tanto insiste il nuovo Papa Francesco: la vicinanza agli ultimi, agli umili, ai bisognosi. Al termine, la sepoltura nel cimitero di Casalmaggiore.

Approfondimenti nell'edizione cartacea del giornale in edicola giovedì 20 giugno

LA NOTIZIA DELLA SCOMPARSA

CASALMAGGIORE - Un grave lutto ha colpito il mondo del sociale: è scomparso Maurizio Araldi, classe 1947, fratello dell'ex sindaco Massimo. 

Maurizio Araldi, nato il 5 marzo 1947, residente a Cappella, era una figura di riferimento per il terzo settore, il mondo del volontariato e della disabilità. Era l'anima delle cooperative sociali Moby Dick e Gardenia. Fautore di moltissime iniziative, ultimamente si era molto adoperato per il successo degli orti sociali attivati e gestiti dal Consorzio Casalasco Servizi Sociali a Casalmaggiore e a Scandolara Ravara.

Lascia la moglie Liliana, i figli Matteo e Anna, oltre al fratello e alla sorella Graziella. 

Approfondimento sull'edizione cartacea in edicola martedì 18 giugno

19 Giugno 2013