il network

Mercoledì 19 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASALMAGGIORE-VIADANA

Ecco la terza 'Discesa del Po'

Decine di barche sul fiume, serpentone di ciclisti sull'argine. Stop e minuto di silenzio a Fossacaprara in memoria dell'ambientalista Umberto Chiarini. Nel pomeriggio la firma della Carta del Po in difesa del Grande Fiume. 'Padus' in difficoltà nel lasciare l'ormeggio

Ecco la terza 'Discesa del Po'

CASALMAGGIORE — Hanno lasciato i moli del Lido Po  alle 10.30 i partecipanti alla terza edizione della  'Discesa del Po (pagaiando, camminando, navigando e pedalando)' in difesa del fiume in onore di Umberto Chiarini.  Bellissimo il colpo d'occhio di barche a remi, canoe, gommoni, motoscafi in acqua, come api operaie intorno all'ape regina, la motonave Padus messa a disposizione di una cinquantina di passeggeri dal Comune di Boretto. Davvero in tanti si sono presentati al raduno fissato per le 10 al Lido, tra loro anche un folto gruppo di ciclisti che faranno il percorso fino a Viadana pedalando sull'argine. Saluto delle autorità - i sindaci di Casalmaggiore, Viadana e Mezzani Claudio Silla, Giorgio Penazzi e Romeo Azzali, il presidente del Gal Oglio Po Giuseppe Torchio - coordinamento del presidente del gruppo Persona-Ambiente Damiano Chiarini e dei presidenti della polisportiva Amici del Po Paolo Antonini e della canottieri Eridanea Marzio Azzoni (dall'acqua), foto di gruppo con gli ospiti d'onore (dal giornalista Paolo Rumiz che cercava un imbarco su una barca a remi, al campione olimpico di canottaggio Simone Raineri, al campione paralimpico Andrea Devicenzi, al giornalista-canoista Valerio Gardoni) e, infine, la partenza. Nota di cronaca: la Padus ha avuto qualche difficoltà, forse a causa del basso fondale, a lasciare il pontile degli Amici del Po; dopo qualche manovra e una 'toccata' della passerella, la motonave è però alla fine riuscita a prendere il largo. Prima tappa a Fossacaprara, dove è previsto lo stop alle barche per un minuto di silenzio in memoria del professore ambientalista Umberto Chiarini, che abitava proprio nella piccola frazione di Casalmaggiore, e a cui è intitolata la manifestazione. Il programma prevede poi alle 11 l'aperitivo per i canoisti al porto turistico di Mezzani (Pr). Alle 12.30 l'arrivo a Viadana, il rinfresco e il pranzo all’ostello. Alle 15 musica con i ‘Fanfara Burek’ e riflessioni sull’ambiente. A seguire la firma della ‘Carta del Po’ da parte dei sindaci dei Comuni aderenti. Alle 16 Paolo Rumiz presenta il suo libro sul Po ‘Morimondo’. 

07 Settembre 2013