il network

Mercoledì 14 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Tangenziale, il Listone polemico con il comitato Cstc

Carlo Gardani: "L'ingegner Carlo Vicini non generalizzi, faccia nomi e cognomi della classe politica responsabile della mancata realizzazione della circonvallazione"

Tangenziale, il Listone polemico con il comitato Cstc

Carlo Sante Gardani, capogruppo del Listone

CASALMAGGIORE - "L'ingegner Carlo Vicini, presidente del comitato Asolana, ha fatto un grave errore nel colpire indiscriminatamente tutta la classe politica casalese a proposito della tangenziale che ancora manca". Carlo Gardani, capogruppo del movimento civico 'Il Listone', ha letto con amarezza le dichiarazioni riportate giovedì dal nostro giornale. 

"Penso - aggiunge - che le critiche andrebbero mirate, facendo nomi e cognomi. Anche quando si parla di 'lobby' che avrebbero affossato il progetto 'tangenziale bassa' si lanciano sospetti pesanti: meglio fare i nomi, troppo comodo limitarsi a lanciare il sasso nello stagno". 

Vicini invita i cittadini a disfarsi di tutta la classe politica. "Cederò volentieri al Cstc la mia poltrona in Consiglio comunale, ma il comitato sappia che dovrà occuparsi di tanti altri problemi, altrettanto importanti del traffico sull'Asolana, a lato della quale, ricordo, il sottoscritto vive da oltre 50 anni e dunque sa bene di cosa si parla. In questi quasi dieci anni in consiglio, per quanto mi riguarda, credo di avere fatto il mio dovere su tutti i fronti. Dato che tanti soci del comitato guardano con simpatia alla lista Ferroni, che facciano riferimento a quella. La riunione di giovedì scorso sul tema tangenziale, cui noi del Listone abbiamo invitato tutti, non l'abbiamo fatta guardando alle elezioni, ma come passaggio preparatorio alla prossima visita di Ambrosoli (4 ottobre), che come candidato presidente della Regione, aveva nel programma la tangenziale di Casalmaggiore". 

Gardani chiude con un invito: "Invece di generalizzare e sparare addosso a tutti, sarebbe meglio unirsi per cercare insieme una soluzione possibile. Alla riunione preparatoria dell'assemblea dell'11 ottobre, ad esempio, perché non invitare anche le minoranze?".

20 Settembre 2013