il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Viadana

Sette anni di angherie alla ex

Denunciato un operaio 42enne viadanese: danni all’automobile, ingiurie e persecuzioni. Nuovo caso di stalking dopo quello delle violenze che hanno fatto scattare i domiciliari per un 57enne

Sette anni di angherie alla ex

VIADANA — Ancora una donna vittima, ancora una relazione sentimentale che finisce male e si trascina tra dispetti, insulti, danneggiamenti. Sette anni di persecuzioni che ieri hanno trovato (si spera) la parola fine grazie all’intervento dei carabinieri di Viadana. Dopo il caso dell’impiegato 57enne finito agli arresti domiciliari martedì per maltrattamenti sull’ex compagna 48enne, ieri gli uomini del Nucleo operativo e del Radiomobile viadanese hanno denunciato a piede libero B.C., 42enne operaio viadanese. 

Il provvedimento nei suoi confronti è scattato al termine di una lunga operazione di indagine che è servita a trovare riscontri rispetto ai racconti di molestie fatti ai militari dall’ex compagna. Stando a quanto sono riusciti a ricostruire i carabinieri, infatti, il 42enne dal 2006 pensando di poter riallacciare una relazione sentimentale conclusa ha di fatto ‘perseguitato’ l’ex compagna dalla quale aveva avuto anche un figlio. 

L’operaio a più riprese avrebbe minacciato la donna e l’avrebbe molestata invadendo la sfera personale della donna. In particolare, l’uomo si sarebbe introdotto di nascosto nel cortile dell’abitazione della donna danneggiandole l’auto (graffi sulla carrozzeria e gomme bucate), l’avrebbe seguita per conoscerne gli spostamenti e chiedendo poi conto dei luoghi che frequentava. E anche con il figlio sarebbero uscite alcune frasi irriguardose nei confronti della mamma. Tutto un insieme di comportamenti che, anche per la loro costante durata nel corso degli ultimi sette anni, hanno generato un grave stato d’ansia a C.G. (39enne) che intimorita per la propria incolumità ha finalmente deciso di rivolgersi ai carabinieri formalizzando una specifica denuncia. Ora il suo incubo dovrebbe essere finito.

26 Settembre 2013