il network

Venerdì 22 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASALMAGGIORE

Giomi alla Diotti: nello sport e nella vita no a scorciatoie, solo lavoro

Incontro-lezione del presidente della Federazione italiana di atletica leggera (Fidal) con gli studenti delle terze medie grazie all'Interflumina

Giomi alla Diotti: nello sport e nella vita no a scorciatoie, solo lavoro

Gli studenti delle terze classi in aula magna

 

CASALMAGGIORE — Lo sport come metafora della vita. E’ questo il senso dell’applaudito intervento che il presidente della federazione italiana di atletica leggera, Alfio Giomi, 37 anni di insegnamento alle spalle, ha tenuto ieri tra le 12 e le 13 nell’aula magna dell’istituto Diotti davanti agli studenti di tutte le terze classi. «Siete figli di una società che vi insegna che per emergere servono scorciatoie e amicizie, invece con il Mennea Day (dall’anno prossimo di chiamerà ‘Giornata del ricordo, dell’amicizia e della solidarietà’, ndr) che anche voi avete celebrato, vi si vuol ricordare ciò che l’uomo più veloce al mondo aveva insegnato: che il successo si ottiene attraverso il lavoro e l’impegno quotidiano. Questo vale anche per voi studenti: solo se si studia e si sta attenti in classe si può apprendere, perché lo studio non serve solo a prendere un voto, ma serve a voi stessi, a essere in pace con voi stessi. Se avete studiato, all’interrogazione arrivate tranquilli, ma soprattutto avete imparato». 
Giomi era presente insieme al direttore generale della Fidal Dino Ponchio su invito dell’Atletica Interflumina, rappresentata dal presidente Alfredo Azzoni e da Carlo Stassano, che ha organizzato una intensa due giorni: domenica il Trofeo delle Regioni di marcia giovanile, lunedì visite agli sponsor dell’Interflumina (Consorzio del Pomodoro-Pmì e Padania Alimenti-E’ Più), incontro alla Diotti e, alla sera, al RistoBifi, conviviale congiunta Panathlon-Rotary. Collante di tutto ciò, la presentazione ai vertici della Fidal, del progetto e della bozza di convenzione per un Centro tecnico interregionale di atletica leggera a Casalmaggiore.
La ‘lezione’ agli studenti — dopo i saluti e l’introduzione della dirigente Maria Assunta Balestrieri, dell’insegnante di educazione ficica Federica Passera e di Carlo Stassano a nome dell’Interflumina — è cominciata con la visione delle registrazioni video di Raisport relative alla vittoria di Eseosa Fasto Desalu nei 200 metri ai campionati italiani juniores (20.94), al quinto posto assoluto e al terzo nella staffetta 4x100 agli Europei.
CASALMAGGIORE — Lo sport come metafora della vita. E’ questo il senso dell’applaudito intervento che il presidente della federazione italiana di atletica leggera, Alfio Giomi, 37 anni di insegnamento alle spalle, ha tenuto lunedì tra le 12 e le 13 nell’aula magna dell’istituto Diotti davanti agli studenti di tutte le terze classi medie. «Siete figli di una società che vi dice che per emergere bastano scorciatoie e amicizie, invece con il Mennea Day (dall’anno prossimo di chiamerà ‘Giornata del ricordo, dell’amicizia e della solidarietà’, ndr) che anche voi avete celebrato, vi si vuol ricordare ciò che l’uomo più veloce al mondo aveva insegnato: che il successo si ottiene attraverso il lavoro e l’impegno quotidiano. Questo vale anche per voi studenti: solo se si studia e si sta attenti in classe si può apprendere. Lo studio, poi, non serve solo a prendere un voto, ma serve a voi stessi, a essere in pace con voi stessi. Se avrete studiato, all’interrogazione arriverete tranquilli, ma soprattutto avrete imparato». Giomi era presente insieme al direttore generale della Fidal Dino Ponchio su invito dell’Atletica Interflumina, rappresentata dal presidente Alfredo Azzoni e da Carlo Stassano, società che ha organizzato una intensa due giorni: domenica il Trofeo delle Regioni di marcia giovanile, lunedì visite agli sponsor dell’Interflumina (Consorzio del Pomodoro-Pmì e Padania Alimenti-E’ Più), incontro alla Diotti e, alla sera, al RistoBifi, conviviale congiunta Panathlon-Rotary. Collante di tutto ciò, la presentazione ai vertici della Fidal del progetto e della bozza di convenzione per un Centro tecnico interregionale di atletica leggera a Casalmaggiore. La ‘lezione’ agli studenti — dopo i saluti e l’introduzione della dirigente Maria Assunta Balestrieri, dell’insegnante di educazione ficica Federica Passera e di Carlo Stassano a nome dell’Interflumina — è cominciata con la visione delle registrazioni video di Raisport relative alla vittoria di Eseosa Fasto Desalu nei 200 metri ai campionati italiani juniores (20.94), al quinto posto assoluto e al terzo nella staffetta 4x100 agli Europei.

 

Leggi di più nell'edizione in edicola martedì 29 ottobre

28 Ottobre 2013