il network

Venerdì 22 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Viadana

Rugby, via al mega progetto

Fotovoltaico sulle tribune, parcheggio e due rotatorie per migliorare la viabilità. Dopo il vertice con l'assessore Rossi la Regione paga anche per il Comune

Rugby, via al mega progetto

La tribuna dello Zaffanella verrà coperta da un impianto fotovoltaico

 VIADANA — È fissato per giovedì prossimo 14 novembre l’appuntamento decisivo per il futuro della ‘partita’ del rugby viadanese: al Pirellone, infatti, il sindaco Giorgio Penazzi parteciperà al vertice che dovrà modificare l’originario progetto degli interventi per fissare sul piano esecutivo ciò che si andrà effettivamente a realizzare. In pratica, verrà messo nero su bianco quanto già stabilito nel vertice con l’assessore regionale allo Sport Antonio Rossi e cioè che la Regione, oltre al proprio impegno finanziario di 4,2 milioni di euro, metterà anche la parte che il Comune di Viadana proprio non riesce a spendere a causa dei vincoli del patto di stabilità. 

«L’accordo era che la Regione mettesse i 4,2 milioni, noi 750mila euro e la Provincia di Mantova 250mila euro — conferma il sindaco di Viadana —: purtroppo, le nostre casse non riescono a sopportare un tale esborso e ci limiteremo al massimo a 300mila euro. Ma l’opera si farà». Si respira fiducia, dunque, anche perché i lavori dovranno essere terminati tassativamente entro il 31 dicembre 2015. La Provincia di Mantova, per la cronaca, ha già messo a disposizione la propria parte di investimento. Ma cosa si andrà a realizzare? Intanto, si parte con il parcheggio attiguo a quello già esistente tramite l’esproprio del terreno in fregio a viale Kennedy. 

«Le altre priorità sono le due rotatorie in via Vanoni e in via Fenilrosso dove arriverà il secondo lotto della gronda nord. Un grande investimento, inoltre, riguarderà l’impianto fotovoltaico da posizionare sulle tribune dello ‘Zaffanella’ in modo da garantire la quasi autosufficienza energetica alla struttura sportiva che produce forti consumi in termini di utenze. A fronte di tali opere — chiarisce Penazzi — si andrà a ridimensionare il previsto intervento nella zona del Lavadera dove alcune strutture immobiliari non sono più ritenute indispensabili».

06 Novembre 2013