il network

Giovedì 18 Aprile 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Gussola

In arrivo gli speed check

L'annuncio del sindaco Marino Chiesa che torna a parlare del progetto di pista ciclabile: "Sul lato opposto a quella esistente per motivi tecnici"

In arrivo gli speed check

Uno speed check

GUSSOLA — Continua a far discutere la decisione della giunta di far realizzare la pista ciclabile verso Martignana Po sul lato opposto a quello dove già esiste lo spazio per bici e pedoni verso il paese confinante. Le minoranze, com’è noto, sono contrarie e domani, sul mercato del lunedì, effettueranno una raccolta di firme. Il sindaco Marino Chiesa, intanto, precisa i motivi che hanno indotto l’amministrazione comunale ad assumere la decisione e annuncia l’arrivo degli Speed Check, i dissuasori di velocità del tipo già presente ad esempio a San Giovanni in Croce e Solarolo Rainerio.   

«La scelta di collocare la pista sul lato destro, verso Martignana, non è legata solo a motivazioni economiche (poichè realizzata in questo modo costa circa 50.000 euro in meno), ma soprattutto ad esigenze tecniche», afferma Chiesa. Infatti, continua il primo cittadino, «in fase progettuale si è verificato che all'incrocio di Borgolieto non ci sono le distanze e la larghezza sufficienti e quindi la ciclabile si dovrebbe comunque interrompere. Per questi motivi si è giunti alla conclusione di dare continuità e sicurezza al percorso ciclabile lungo il senso unico di via Fiume, evidenziandone il tracciato con segnaletica orizzontale, per poi, attraverso via Mazzini, raggiungere le scuole, continuare lungo via Gramsci ed infine sulla ciclabile esistente in via XX Settembre».   

Conlude il sindaco: «In questo modo il polo scolastico e sportivo sarà raggiungibile in bicicletta e in sicurezza. Aggiungo che per migliorare la sicurezza, lungo le strade provinciali che attraversano il nostro paese e quindi anche per il futuro attraversamento pedonale tra le due ciclabili realizzeremo il posizionamento delle colonnine per il rilevamento della velocità, chiamati Speed Check». 

15 Dicembre 2013