il network

Giovedì 18 Aprile 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Ultimo saluto a Padre Gaudenzio, folla al Santuario

"Ovunque è stato ha lasciato una traccia luminosa di se'": il ricordo di padre Bruno Signori

Ultimo saluto a Padre Gaudenzio, folla al Santuario

L'uscita del feretro dal Santuario (foto Osti)

CASALMAGGIORE - Folla, nella mattinata di giovedì, al Santuario Madonna della Fontana, in occasione delle esequie di padre Gaudenzio Barbaglio, spirato a 80 anni nella notte tra domenica e lunedì. La funzione è stata celebrata dal ministro provinciale dei Cappuccini di Lombardia, affiancato da padre Bruno Signori, guardiano-rettore del Santuario, da don Alberto Franzini, parroco di Santo Stefano e San Leonardo, e da altri religiosi. Tra i banchi nell'edificio sacro altri 25 sacerdoti. 

La funzione è iniziata con la deposizione del Vangelo, della stola e di un cero sulla bara. Nell'omelia il celebrante ha ripercorso le tappe della vita di padre Gaudenzio, nato il 7 gennaio 1934 a Santo Stefano Vairano. "Entra in noviziato il 14 agosto 1952, fa la professione temporanea il 15 agosto 1953 a Lovere, e quella perpetua il 15 agosto 1956, sempre a Lovere. L'11 giugno 1960 viene ordinato sacerdote a Milano. A settembre del '61 è a Bergamo, come coadiutore dell'ospedale, e resta lì sino al 1967. Da agosto 1967 ad agosto 1973 è vicario, sino al 1976, quando è parroco e guardiano della Parrocchia di Como. Dall'83 al '91 è in convento a Bergamo, dal '91 parroco a Crema sino al 2000. Dal 2000 a oggi è rimasto qui, al Santuario della Fontana. Si trovava bene qui".

Il celebrante ha ricordato quanto si è speso per gli altri padre Gaudenzio, che aveva una particolare attenzione agli ammalati. Anche padre Signori, nell'intervento finale, ha ricordato la grande fede di fra' Gaudenzio: "Era il veterano della nostra comunità, dal cuore aperto e generoso". 

Presenti alla cerimonia funebre il sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla, il sindaco di Sabbioneta Marco Aroldi, il comandante della Compagnia carabinieri capitano Cristiano Spadano.

Leggi di più su La Provincia in edicola venerdì 24 gennaio

23 Gennaio 2014