il network

Domenica 09 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


QUESTIONE DI STILE

Il Real Madrid si inginocchia davanti al Barcellona di Valverde

Nella partita del 23 dicembre, i blaugrana ha bucato la rete del Santiago Bernabeu per tre volte, aggiudicandosi “El clasico”

Il Real Madrid si inginocchia davanti al Barcellona di Valverde

IL PRIMO TEMPO

Nella prima metà della partita, si sono viste parecchie azioni pericolose da parte di entrambe le squadre, un’alta intensità di gioco e una rete annullata ai blancos per un fuorigioco di Cristiano Ronaldo. Il Real Madrid ha dominato i primi venticinque minuti, poi ha dovuto lasciare spazio al mito Lionel Messi, che ha disputato una partita fantastica con un goal e un assist. I portieri delle due squadre hanno dimostrato di saper proteggere bene la propria porta parando due tiri quasi impossibili da bloccare, uno da parte di Paulinho e uno da parte di Cristiano Ronaldo.

IL SECONDO TEMPO

Non passano nemmeno dieci minuti dall’inizio del secondo tempo che i padroni di casa si trovano a dover rincorrere gli avversari. Il goal è il seguito di un’azione lanciata da Ivan Rakitic che corre da solo dalla metà campo fino all’area di rigore per poi passare la palla a Sergi Roberto che di prima offre l’assist a Luis Suarez che segna la prima rete della partita.

LA RESA DEL REAL MADRID

Dopo il secondo goal del match realizzato da Messi su calcio di rigore in seguito al fallo di mano di Carvajal che para che gli costa il cartellino rosso, la squadra di casa sembra arrendersi alla potenza dei blaugrana. L’unico che non vuole inginocchiarsi al cospetto del Barcellona è CR7, che continua a provare a segnare, anche se invano. Dopo diversi falli di frustrazione e azioni non completate, durante il recupero finale il Real Madrid subisce il terzo goal da Alex Vidal, entrato al posto di Iniesta due minuti prima.

PAULINHO RIVELAZIONE E I PROMOSSI DEL BARCELLONA

L’acquisto peggio giudicato del Barcellona di quest’anno, Paulinho, si è rivelato invece un grande giocatore e un valido sostituto di Neymar. Nelle due sfide precedenti con il Real Madrid, perse entrambe con un risultato complessivo di 5-1 per i blancos, il Barcellona poteva essere giustificato, in quanto aveva appena perso un campione internazionale come Neymar e non aveva ancora trovato il leader della fascia destra in Paulinho, che nel match di ieri ha costretto Keylor Navas a compiere due miracoli per salvare il risultato di parità nel primo tempo. Promossi a pieni voti anche altri giocatori del Barça, quali Leo Messi, uomo partita, Ter Stegen, il muro tedesco, Iniesta (l’esperienza qui si vede), e Sergio Busquets, che dopo essersi liberato della marcatura di Kovacic si sblocca e gioca una partita da regista di centrocampo.

01 Febbraio 2018