il network

Giovedì 19 Luglio 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY, SERIE A1 FEMMINILE

Pomì, con Bergamo ennesima sconfitta al tie break

Poteva essere il terzo successo consecutivo, invece le rosa si sono rivelate troppo fragili nel momento decisivo

POMI' CASALMAGGIORE - FOPPAPEDRETTI BERGAMO

CREMONA - Doveva essere la terza vittoria consecutiva, possibilmente da tre punti, si è trasformata in una sconfitta sanguinosa, l'ennesima maturata al tie break (25-19; 19-25; 19-25; 25-22; 10-15: tutti persi i tie break giocati quest'anno), che scombina i piani di rimonta di una Pomì che, ancora una volta, nel momento della verità si rivela fragile come non dovrebbe più essere. Le ottime sensazioni destate dalla vittoria con Scandicci e nell'agevole affermazione su Sneek vengono di fatto cancellate da una sconfitta inescusabile patita tra le mura amiche contro una formazione che ha recuperato in extremis due elementi e che occupa una posizione di classifica di poco inferiore a quella della Pomì. Forse la salvezza non è in pericolo, ma prima di fare voli pindarici sulla griglia playoff sarà meglio guardarsi nuovamente le spalle e rimettersi a pedalare. Mercoledì a Monza impegno dal coefficiente di difficoltà elevato per capire se sarà riscatto immediato o nuovo stato di crisi.

Le prime novità le riserva coach Stefano Micoli che recupera in extremis sia Malagurski che Cardullo potendo così schierare Sylla e Acosta  in posto quattro con Strunjak e Popovic al centro; Lucchi, ancora orfano di Maret Grothues (si parla ora di borsite al gomito sinistro), conferma il sestetto di partenza delle vittorie con Scandicci e Sneek.

1 set - Cardullo dimostra subito di essere in ottima forma con ricezioni e difese d'autore mentre Lucchi ordina la ricezione a due escludendo Martinez dagli incombenti di seconda linea. Le rosa non sono impeccabili in fase di cambio palla ma tengono discretamente in correlazione muro-difesa e con gli errori ospiti provano a tenere le redini del set sull'8-5. Bergamo fatica a limitare gli errori ma la Pomì non ne approfitta a dovere rendendo il favore e mantenendo le orobiche  in partita aldilà dei propri meriti per il 13-10. Micoli ferma i giochi sul 15-10 temendo l'allungo irrimediabile ma non ottiene l'effetto sperato tanto che il tocco beffardo di Starcevic lo obbliga alla replica sul 19-13. Zago si trasforma in Re Mida per dare l'ultima spallata al set trascinando la Pomì sino al 22-14 e nemmeno l'ingresso di Marcon per Acosta sembra cambiare un finale già scritto. Lucchi non vuole correre rischi e dopo qualche errore ferma i giochi sul 23-18 ma al rientro Martinez chiude il discorso sul 25-19.

2 set -  il rientro in campo è traumatico per Casalmaggiore che si riscopre fallosa ben oltre il consentito, trova spesso l'errore od il muro avversario ed è presto lontana sul 5-1 ospite. Qualche buona soluzione avvicina la Pomì (4-6) ma Bergamo prova a mantenersi avanti con i colpi di Sylla e con un video check decisamente sospetto sul servizio si Zago. La Pomì passa dal possibile 10-11 al 9-13 di Malagurski che convince Lucchi a fermare i giochi. La reazione delle rosa tarda ad arrivare mentre Malinov giostra a piacimento i propri attaccanti e mantiene lontano Bergamo sull'11-16. Casalmaggiore fatica in cambio palla e non consegna mai palle giocabili in ricostruzione; a queste premesse il rientro diventa una chimera con la Foppapedretti sempre fuori portata. Il divario si dilata e solo un moto d'orgoglio nel finale di set costringe Micoli al time out sul 19-23, poco prima che Bergamo pareggi i conti con il muro del 19-25.

3 set - Malinov continua a punire i ritardi e le letture del muro di Casalmaggiore ricucendo in un amen il vantaggio iniziale della Pomì sino al sorpasso sulla ricostruzione di Sylla per il 6-7. Il cambio palla della Pomì diventa a tratti imbarazzante mentre Bergamo prova la fuga sul 7-10 ma, fortuna per le padrone di casa, bastano due ricezioni decenti a Lo Bianco per innescare i centrali e mantenere viva Casalmaggiore sul 10-12. Certo pensare di andare avanti solo con i centrali è utopistico e quando anche la fortuna volta le spalle a Sirressi e socie ecco che due aces di Bergamo valgono il 12-16 del time out Lucchi. Guerra rileva una pessima Martinez ma la panchina deve esaurire i time out sul 13-19 in pieno stato di crisi. In campo si vedono le macerie della Pomì efficace vista con Scandicci, Sneek e nel primo set ed anche la gestione dalla panchina non cambia il pessimo andamento di un set che solo in maniera estemporanea Casalmaggiore prova a rimettere in discussione sul 19-22 del time out ospite. Al rientro tre errori consecutivi spediscono Bergamo meritatamente sul 2-1 sul 19-25.

4 set - lo spauracchio di una sconfitta inescusabile sembra rianimare Stevanovic e compagne che partono di slancio nel quarto parziale con il 6-1 del time out Micoli e dell'ingresso di Battista per Malagurski. Proprio la neo-entrata spara un paio di cannonate che impediscono la fuga definitiva di Casalmaggiore (9-7) che ci mette anche del proprio per tenere a contatto una Foppapedretti che, senza strafare, si trova sempre a portata sul 14-13 del time out Lucchi. Il finale si trasforma in un punto a punto estenuante nel quale la Pomì beneficia di un paio di gentili omaggi delle orobiche per tenersi avanti di un break (19-17) prima di rendere il favore per il nuovo aggancio a quota 19. L'ace di Stevanovic sembra spingere definitivamente al tie break la contesa sul 22-20 del time out Micoli ed infatti tanto basta alla Pomì per rendersi irraggiungibile e chiudere sul 25-22 e guadagnarsi l'ennesimo tie break.

Tie Break - la parola tie break sembra già uno spauracchio per la Pomì (sempre sconfitta al quinto) con Zago che si consegna al muro orobico e propizia il 4-1 ospite. Starcevic prova a ricucire ma è la solita Pomì in versione tie break, spuntata in attacco e disordinata in correlazione muro-difesa con Bergamo che ringrazia ed incassa il cambio campo sul 4-8. Martinez spinge la Pomì sino al 7-9 ma due difese mostruose di Sylla e Cardullo impediscono alle padrone di casa di avvicinarsi ulteriormente lanciando Bergamo sul 7-11 del secondo time out Lucchi. Bergamo mantiene le distanze, la Pomì non fa nulla per rimediare e finisce ko sul 10-15.

14 Gennaio 2018